American Heart Association
ACC Meeting
Associazione Silvia Procopio

Il calcio nelle coronarie aumenta il rischio di malattia coronarica a 10 anni, anche nei soggetti giovani e con ridotta calcificazione coronarica


Ricercatori della Vanderbilt University hanno trovato che la sola presenza, anche, di piccole calcificazioni nelle coronarie ( CAC ), nelle persone di età inferiore ai 50 anni, è associata ad aumentato rischio di sviluppare malattia coronarica nei successivi 10 anni.

Inoltre, lo studio ha rivelato che i soggetti con calcium score più elevati, misurati mediante tomografia computerizzata, presentano un rischio maggiore del 20% di morire per un evento cardiovascolare in questo stesso periodo di tempo.

La calcificazione nelle coronarie è stata a lungo associata alla coronaropatia e alla malattia cardiovascolare. Tuttavia i dati prognostici di questo indice di rischio per i pazienti più giovani ( 30-40 anni ) erano finora limitati.

Si è sempre pensato che fosse necessario sviluppare una placca di una certa entità prima di essere considerati a rischio di un evento cardiovascolare.
In questo studio è stato dimostrato che anche nelle persone più giovani, qualsiasi quantità di calcio nelle arterie è in grado di aumentare il rischio di cardiopatia.

Qualsiasi livello misurabile di calcio nelle coronarie, all’inizio della mezza età, è associato a un aumento del rischio del 10%, nella successiva decade, di infarto miocardico, fatale o non-fatale, oltre ai tradizionali fattori di rischio.

Il calcio coronarico potrebbe rappresentare un biomarcatore di imaging molto specifico nell’individuare i soggetti a rischio precoce di malattia cardiaca, e che potrebbero trarre beneficio da interventi mirati ( trattamento dell’ipertensione e dell’ipercolesterolemia, riduzione del peso corporeo e cessazione del fumo ).

I dati provengono dal CARDIA ( Coronary Artery Risk Development in Young Adults ), uno studio longitudinale, di comunità, che ha arruolato 5.115 adulti, di razza bianca e nera, di età compresa tra 18 e 30 anni in 4 città degli Stati Uniti ( Oakland, Minneapolis, Chicago and Birmingham ).
Lo studio CARDIA fu iniziato nel 1985, e il periodo osservazionale ( follow-up ) è stato di 30 anni.

La tomografia computerizzata è stata eseguita su 3.330 soggetti.
Il follow-up medio per questi soggetti è stato di 12.5 anni. La presenza di calcificazioni coronariche è stata rilevata nel 30% dei casi.

Lo studio è stato pubblicato su JAMA Cardiology. ( Xagena2017 )

Fonte: Vanderbilt University, 2017

Cardio2017



Indietro