CardioPreventariab.it
American Heart Association
ACC Meeting

Il virus Zika può causare disturbi cardiaci potenzialmente pericolosi


Poiché il virus Zika continua a diffondersi a livello mondiale, nuova evidenza è emersa circa gli effetti potenzialmente dannosi del virus a livello cardiaco.

Lo studio ha incluso pazienti adulti con nessuna precedente storia di malattie cardiovascolari che sono stati trattati presso l'Istituto di medicina tropicale di Caracas, in Venezuela, uno degli epicentri della epidemia del virus Zika.
Tutti i pazienti, tranne uno, hanno sviluppato un disturbo del ritmo cardiaco, potenzialmente pericoloso, e due terzi hanno presentato evidenza di insufficienza cardiaca.

Il report ha dimostrato che esiste una relazione tra l'infezione da virus Zika e le complicanze cardiovascolari.
Sulla base di questi dati iniziali, le persone devono essere consapevoli che se viaggiano o vivono in un luogo endemico per Zika, e sviluppano rash, febbre o congiuntivite, ed entro un breve lasso di tempo avvertono anche altri sintomi come stanchezza, mancanza di respiro o alterazioni del ritmo cardiaco, dovrebbero sottoporsi a visita medica.

Questo è stato riscontrato con altre malattie trasmesse dalle zanzare e che interessano il cuore, tra queste la dengue e la chikungunya.
Tuttavia, il burden e la gravità dei disturbi cardiaci, tra cui insufficienza cardiaca rapidamente progressiva e aritmie potenzialmente letali, nei pazienti infettati dal virus Zika erano inattesi.

Sono stati inclusi in questo piccolo report prospettico 9 pazienti visitati nella clinica a Caracas entro una settimana dall’insorgenza dei sintomi tipici dell’infezione da virus Zika, e che successivamente hanno manifestato sintomi cardiaci, più comunemente palpitazioni seguite da mancanza di respiro e senso di affaticamento.
Solo un paziente aveva precedenti problemi cardiovascolari ( pressione arteriosa ben controllata ), e i test di laboratorio hanno confermato che tutti presentavano infezione attiva da virus Zika.

I pazienti sono stati invitati a compilare un modulo per registrare i sintomi, e sono stati sottoposti a un elettrocardiogramma iniziale che in otto casi era indicativo di una alterazione del battito cardiaco.
Questi risultati hanno indotto i ricercatori a effettuare una completa indagine cardiovascolare ( ecocardiografia, esame Holter, e uno studio di risonanza magnetica cardiaca ).

Dei nove pazienti, sei erano di sesso femminile con un'età media di 47 ± 17 anni.
Sono stati seguiti per una media di 6 mesi, a partire da luglio 2016.

Aritmie pericolose sono state rilevate in otto su nove pazienti: tre casi di fibrillazione atriale, due casi di tachicardia atriale non-sostenuta e due casi di aritmie ventricolari.

L'insufficienza cardiaca era presente in sei casi. Di questi, cinque pazienti avevano insufficienza cardiaca con bassa frazione di eiezione e uno aveva scompenso cardiaco con frazione di eiezione preservata con pre-eclampsia e un versamento pericardico da moderato a grave.

Nessuno dei problemi cardiaci dei pazienti si è risolto, anche se i sintomi sono migliorati in modo deciso grazie al trattamento dell’insufficienza cardiaca o della fibrillazione atriale.

Da segnalare, i sintomi cardiovascolari tendevano a manifestarsi più tardivamente. I dati hanno mostrato un ritardo medio di 10 giorni dall’iniziale segnalazione dei sintomi tipici dell’infezione da Zika.

Anche se le manifestazioni cardiovascolari sono piuttosto rare rispetto al numero totale dei pazienti trattati presso la clinica, si ritiene che molti più casi saranno diagnosticati, non solo nei pazienti con sintomi evidenti, ma anche tra quelli con segni meno gravi o assenti di miocardite.
La miocardite può influenzare il muscolo cardiaco e il sistema elettrico.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità ( OMS ), i sintomi del virus Zika comprendono generalmente: lieve stato febbrile, rash cutaneo, congiuntivite, dolori muscolari e articolari, malessere o mal di testa, che di solito durano per 2-7 giorni.

Il modo migliore per evitare l’infezione da virus Zika è evitare di essere punti dalle zanzare.

Questo studio fa emergere un altro potenziale rischio della infezione da virus Zika. ( Xagena2017 )

Fonte: American College of Cardiology ( ACC ) Meeting, 2017

Cardio2017 Inf2017



Indietro