CardioPreventariab.it
Associazione Silvia Procopio
ACC Meeting

Più alta incidenza di ictus nei pazienti con fibrillazione atriale asintomatica rispetto ai pazienti con forma sintomatica


I tassi di precedenti ictus sono risultati più elevati nei pazienti con fibrillazione atriale appena diagnosticata rispetto a quelli che avevano presentato sintomi in precedenza, secondo i risultati del registro GLORIA-AF, presentati all'EHRA Europace-Cardiostim 2017.

I pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare hanno presentato un rischio aumentato di cinque volte rispetto a quelli senza questa aritmia sopraventricolare.
L'ictus nei pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare tende ad essere particolarmente grave e invalidante, con circa la metà dei pazienti che muoiono entro un anno.
In assenza di una diagnosi di fibrillazione atriale i pazienti rimangono non-trattati e non-protetti nei confronti degli eventi ictali.

Sono stati arruolati nel Registro prospettico GLORIA-AF 6.011 pazienti di età uguale o superiore ai 18 anni con nuova diagnosi di fibrillazione atriale non-valvolare e che avevano un elevato rischio di ictus.

Gli obiettivi dello studio erano l'individuazione delle caratteristiche del paziente che avevano influenzato la scelta del trattamento antitrombotico nei soggetti con nuova diagnosi di fibrillazione atriale non-valvolare a rischio di evento ictale, la descrizione dei pattern di trattamento antitrombotico e la raccolta di dati di sicurezza e di efficacia sui trattamenti antitrombotici.

Al momento della diagnosi, circa i due terzi dei pazienti inclusi nello studio erano asintomatici e un terzo dei pazienti era sintomatico.

I risultati dello studio hanno mostrato che i pazienti asintomatici presentavano una probabilità due volte maggiore di avere fibrillazione atriale permanente ( odds ratio, OR=0.49, IC 95%, 0.4-0.59 ), una probabilità più che doppia di aver avuto un precedente ictus ( OR=0.37; IC 95%, 0.3-0.46 ) e probabilità due volte maggiore di aver avuto un precedente ictus o un attacco ischemico transitorio [ TIA ] ( OR=0.47, IC 95%, 0.4-0.56 ), rispetto ai pazienti sintomatici.

I pazienti sintomatici avevano più probabilità di presentare malattia coronarica ( OR=1.28; IC 95%, 1.1-1.48 ) o scompenso cardiaco congestizio ( OR=2.79; IC 95%, 2.45-3.18 ), rispetto ai pazienti asintomatici.

La scoperta di un tasso più elevato di un precedente ictus nei pazienti asintomatici nonostante nessuna differenza nel numero dei fattori di rischio per l'evento ictale, può essere spiegata da una più lunga storia, non-diagnosticata, di fibrillazione atriale.
I risultati sottolineano l'urgente necessità di programmi atti ad individuare la fibrillazione atriale nella popolazione generale. ( Xagena2017 )

Fonte: EHRA Europace – Cardiostim, 2017

Cardio2017 Neuro2017



Indietro