52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Alcuni pazienti con scompenso cardiaco possono trarre beneficio da Rivaroxaban


L'anticogulante Rivaroxaban ( Xarelto ) è risultato associato a un ridotto rischio di eventi tromboembolici tra i pazienti con insufficienza cardiaca e malattia coronarica.

Il tasso di infarto miocardico, ictus ischemico, morte improvvisa o morte senza testimoni, embolia polmonare sintomatica o trombosi venosa profonda sintomatica è stato del 13.1% per Rivaroxaban e del 15.5% per il placebo ( hazard ratio, HR=0.83; IC 95%: 0.72-0.96 ) su una mediana di 19.6 mesi di follow-up.

Togliendo le morti improvvise e le morti in assenza di testimoni dall’insieme dei dati, i risultati non si sono modificati ( 6.1% vs 7.6%; HR=0.80; IC 95% 0.64-0.98 ).

Rivaroxaban è risultato in genere inefficace nello studio COMMANDER HF per la prevenzione delle morti per insufficienza cardiaca, e l'endpoint primario di mortalità per qualsiasi causa, infarto miocardico e ictus, in contrasto con le conclusioni degli studi ATLAS ACS 2-TIMI 51 e COMPASS, che avevano esteso la riduzione degli eventi avversi cardiovascolari maggiori ( MACE ) nei pazienti con scompenso cardiaco, trattati con Rivaroxaban.

Queste diverse conclusioni possono essere spiegate dall'inclusione in COMMANDER HF di pazienti con recente peggioramento dello scompenso cardiaco cronico e da ulteriori decessi dovuti alla progressione dell'insufficienza cardiaca che non avrebbero potuto rispondere alla terapia antitrombotica.

Lo studio randomizzato COMMANDER HF aveva arruolato più di 5.000 pazienti con recente peggioramento dello scompenso cardiaco cronico, ridotta frazione di eiezione e malattia coronarica che erano in ritmo sinusale.
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale alla terapia antipiastrinica più Rivaroxaban ( 2.5 mg due volte al giorno ) oppure a placebo.
Erano state escluse le persone con una condizione medica che richiedeva anticoagulanti o che avevano una storia di sanguinamento.
I partecipanti allo studio erano per il 77.1% uomini con un'età media di 66.4 anni al momento dell'arruolamento.

Nello studio COMMANDER HF, il principale endpoint di sicurezza relativo a sanguinamento fatale o sanguinamento in un'area critica con il potenziale di causare invalidità permanente non è risultato significativamente aumentato nei pazienti assegnati a Rivaroxaban a basso dosaggio, sebbene vi fosse un aumento degli endpoint secondari emorragici.

I benefici di Rivaroxaban nello scompenso cardiaco richiedeno una conferma in futuri studi clinici randomizzati. ( Xagena2019 )

Fonte: JAMA Cardiology, 2019

Cardio2019 Farma2019


Indietro