52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Antagonisti dei recettori della angiotensina e rischio di cancro


Gli antagonisti dei recettori dell'angiotensina ( anche noti come sartani ) sono una classe di farmaci ampiamente usata, approvata per il trattamento dell'ipertensione, dell'insufficienza cardiaca, della nefropatia diabetica, e recentemente per la riduzione del rischio cardiovascolare. Studi sperimentali hanno rilevato che il sistema Renina-Angiotensina, in particolare i recettori tipo 1 e tipo 2 dell'angiotensina II sono coinvolti nella regolazione della proliferazione cellulare, nell'angiogenesi e nella progressione tumorale.

Ricercatori della Case Western Reserve University a Cleveland negli Stati Uniti, hanno compiuto una meta-analisi di studi randomizzati controllati riguardanti i sartani con l’obiettivo di valutare se i bloccanti dei recettori dell'angiotensina fossero in grado di influenzare l’incidenza di tumori.

Nella meta-analisi sono stati inclusi studi randomizzati e controllati che hanno arruolato almeno 100 pazienti, in cui in almeno un gruppo era stato somministrato un inibitore del recettore dell'angiotensina, con un periodo osservazionale di almeno 1 anno.
Per 61.590 pazienti provenienti da 5 studi clinici erano disponibili dati su nuovi casi di cancro. Per 68.402 pazienti, provenienti da 5 studi, erano invece disponibili i dati relativi ai comuni tipi di tumore degli organi solidi, e per 93.515 pazienti provenienti da 8 studi, erano disponibili dati sulla mortalità per cancro.

Il Telmisartan ( Micardis ) è stato il farmaco impiegato in 30.014 ( 85.7% ) pazienti, che hanno ricevuto un antagonista dei recettori dell'angiotensina.

I pazienti assegnati in modo casuale a ricevere un sartano hanno avuto un aumento significativo del rischio di insorgenza di nuovo tumore, rispetto ai pazienti del gruppo controllo ( 7.2% vs 6%, rischio relativo, RR=1.08, p=0.016 ).

Quando l'analisi è stata limitata a studi dove il tumore era un endpoint prespecificato, il rischio relativo è stato pari a 1.11 ( p=0.001 ).

Tra i tumori specifici insorti in organi solidi presi in esame, solo un nuovo evento di cancro al polmone era significativamente più elevato nei pazienti assegnati in modo casuale a ricevere un sartano, rispetto a quelli assegnati a ricevere il farmaco di controllo ( 0.9% vs 0.7%, RR=1.25, p=0.01 ).

Non è stata osservata nessuna differenza statisticamente significativa riguardo alla mortalità per cancro ( 1.8% vs 1.6%, RR=1.07, p=0.183 ).

Questa meta-analisi di studi randomizzati controllati ha suggerito una possibile associazione tra gli antagonisti dei recettori dell'angiotensina e il rischio, moderatamente aumentato, di diagnosi di nuovi casi di tumore.
Considerati i dati limitati, non è possibile trarre delle conclusioni precise sul rischio di cancro associato a ciascun farmaco in particolare. Sono necessarie ulteriori indagini. ( Xagena2010 )

Sipahi I el al, Lancet Oncology 2010; 11: 627-636


Cardio2010 Farma2010 Onco2010


Indietro