Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Associazione Torcetrapib ed Atorvastatina non rallenta la progressione della malattia coronarica


E’ stato ipotizzato che il Torcetrapib, un inibitore della proteina di trasferimento degli esteri del colesterolo ( CETP ), possa ridurre la malattia vascolare aterosclerotica aumentando i livelli di colesterolo HDL.

Un totale di 850 pazienti con ipercolesterolemia familiare eterozigote è stato sottoposto, nel momento dell’ingresso nello studio, ad ultrasonografia B-mode.
Nel corso del periodo di follow-up sono stati misurati i cambiamenti nello spessore dell’intima-media della carotide.
Dopo un periodo di run-in con Atorvastatina ( Lipitor / Torvast ), i pazienti sono stati successivamente assegnati in modo casuale a ricevere Atorvastatina in monoterapia o Atorvastatina associata a Torcetrapib ( 60mg ) per 2 anni

Dopo 24 mesi, il livello medio di colesterolo HDL è risultato pari a 52.4 mg/dl ed il livello di colesterolo LDL ha raggiunto 143.2 mg/dl dopo trattamento con la sola Atorvastatina , rispetto agli 81.5 mg/dl e 115.1 mg/dl, rispettivamente, nei pazienti trattati con l’associazione Atorvastatina e Torcetrapib.

Durante lo studio, la pressione sistolica media è aumentata di 2.8 mmHg nel gruppo Atorvastatina e Torcetrapib, rispetto al gruppo solo Atorvastatina.

L’aumento nello spessore massimo intima-media della carotide è stato di 0.0053 mm per anno nel gruppo solo Atorvastatina e 0.0047 mm per anno nel gruppo Atorvastatina e Torcetrapib ( p = 0.87 ).

Riguardo al cambiamento annualizzato nello spessore intima-media per l’arteria carotidea comune è stata osservata una riduzione di 0.0014 mm per anno nel gruppo solo Atorvastatina, contro un aumento di 0.0038 mm per anno nel gruppo Atorvastatina e Torcetrapib.

I dati dello studio hanno dimostrato che nell’ipercolesterolemia familiare, l’impiego di Torcetrapib con Atorvastatina non produce ulteriore riduzione della progressione dell’aterosclerosi ed, inoltre, l’associazione è risultata associata a progressione della malattia nel segmento della carotide comune.
Questi effetti si sono presentati nonostante un aumento marcato dei livelli di colesterolo HDL ed una riduzione dei livelli di colesterolo LDL e dei trigliceridi.( Xagena2007 )

Kastelein JJP et al, N Engl J Med 2007; Published online


Cardio2007 Farma2007


Indietro