52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Brilique nella prevenzione degli eventi aterotrombotici nei pazienti con sindromi coronariche acute


Il 23 settembre 2010 il Comitato per i Prodotti Medicinali per Uso Umano ( CHMP ) ha adottato un parere positivo, raccomandando il rilascio dell'autorizzazione all'immissione in commercio del medicinale Brilique 90 mg compresse rivestite con film.

Brilique, co-somministrato con Acido Acetilsalicilico ( ASA; Aspirina ), è indicato nella prevenzione degli eventi trombotici ( morte cardiovascolare, infarto miocardico e ictus ) nei pazienti con sindromi coronariche acute ( angina instabile, infarto miocardico senza innalzamento del tratto ST [ NSTEMI ] o infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST [ STEMI ] ), nei pazienti in terapia medica, e in quelli sottoposti a intervento coronarico percutaneo ( PCI ) o a by-pass coronarico ( CABG ).

Il principio attivo di Brilique è Ticagrelor, che si lega in modo selettivo e reversibile al recettore dell’adenosina difosfato, agendo come antagonista del recettore dell’ADP P2Y12, prevenendo l'attivazione piastrinica e l’aggregazione ADP-mediata.

I benefici del trattamento con Brilique sono rappresentati dalla sua capacità di rapida e reversibile inibizione dell'aggregazione piastrinica, in grado di prevenire eventi trombotici nei pazienti con sindromi coronariche acute.

Gli effetti collaterali più comuni di Brilique sono: dispnea, ecchimosi ed epistassi.

L'indicazione approvata è: Brilique, co-somministrato con Acido Acetilsalicilico, è indicato nella prevenzione degli eventi aterotrombotici in pazienti adulti con sindromi coronariche acute ( angina instabile, infarto NSTEMI, infarto STEMI ), nei pazienti in terapia medica o sottoposti a procedura PCI o a CABG. ( Xagena2010

Fonte: EMA, 2010


Cardio2010 Farma2010


Indietro