Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa

Cura delle infezioni correlate a pacemaker e defibrillazioni impiantabili


Una strategia combinata, a base di antibiotici e rimozione del dispositivo, è in grado di curare le infezioni correlate ai dispositivi cardiaci.

Uno studio retrospettivo, compiuto da Ricercatori della Mayo Clinic, ha riguardato 189 pazienti a cui era stato impiantato un pacemaker permanente ( n=138 ) o un defibrillatore impiantabile ( n=31 ).

L’età media dei pazienti era di 71,2 anni.

Le più comuni presentazioni cliniche sono risultate l’infezione della tasca del generatore ( 69%) e l’endocardite associata al dispositivo ( 23%).

I più comuni patogeni erano gli stafilococchi coagulasi-negativi ( 42% dei casi ) e lo Staphylococcus aureus ( 29 % ).

Il 98% dei pazienti è stato sottoposto a completa rimozione dei dispositivi cardiaci.

La durata della terapia con antibiotici è risultata correlata alla presentazione clinica e all’organismo causa dell’infezione, ed in media è stata di 18 giorni per l’infezione della tasca del generatore, 28 giorni per l’endocardite, 28 giorni per l’infezione da Staphylococcus aureus e 14 giorni per l’infezione da stafilococchi coagulasi-negativi.

Il 96% dei pazienti è stato sottoposto a trattamento con antibiotici e a rimozione del pacemaker o del defibrillatore impiantabile. ( Xagena2007 )

Fonte: Journal of American College of Cardiology, 2007

Cardio2007 Inf2007

XagenaFarmaci_2007



Indietro