Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Xagena Mappa

Fattori di rischio cardiovascolare nell'infanzia ed eventi cardiovascolari nell'adulto


I fattori di rischio cardiovascolare dell'infanzia predicono la malattia cardiovascolare subclinica dell'adulto, ma i collegamenti con gli eventi clinici non sono bene definiti.

In uno studio di coorte prospettico che ha coinvolto partecipanti al i3C ( International Childhood Cardiovascular Cohort ) Consortium, si è valutato se i fattori di rischio infantili ( età compresa tra 3 e 19 anni ) fossero associati ad eventi cardiovascolari in età adulta dopo un follow-up medio di 35 anni.

L'indice di massa corporea, la pressione sanguigna sistolica, il livello di colesterolo totale, il livello di trigliceridi e il fumo giovanile sono stati analizzati con l'uso di punteggi z specifici per età e sesso derivati da i3C e con un punteggio z di rischio combinato che è stato calcolato come la media non-ponderata dei cinque punteggi di rischio z.

Un punteggio z di rischio combinato per adulti algebricamente comparabile ( prima di qualsiasi evento cardiovascolare ) è stato analizzato insieme ai fattori di rischio dell'infanzia.

Gli esiti dello studio erano eventi cardiovascolari fatali ed eventi cardiovascolari fatali o non-fatali e le analisi sono state eseguite dopo imputazione multipla con l'uso della regressione dei rischi proporzionali.

Nell'analisi di 319 eventi cardiovascolari fatali che si sono verificati tra 38.589 partecipanti ( 49.7% maschi e 15.0% neri; età media alle visite dell'infanzia, 11.8 anni ), gli hazard ratio ( HR ) per un evento cardiovascolare fatale in età adulta variavano da 1.30 per unità di aumento del punteggio z per il livello di colesterolo totale a 1.61 per i giovani fumatori ( sì versus no ).

L'hazard ratio per un evento cardiovascolare fatale rispetto al punteggio z a rischio combinato è stato pari a 2.71 per unità di aumento.
Gli hazard ratio nelle analisi degli eventi cardiovascolari fatali sono stati simili a quelli nelle analisi di 779 eventi cardiovascolari fatali o non-fatali che si sono verificati tra 20.656 partecipanti che potevano essere valutati per questo esito.

Nell'analisi di 115 eventi cardiovascolari fatali che si sono verificati in un sottogruppo di 13.401 partecipanti ( 31.0 anni di età alla misurazione dell'adulto ) che disponevano di dati sui fattori di rischio per gli adulti, l'hazard ratio corretto rispetto al punteggio z del rischio combinato infantile è stato pari a 3.54 per unità di aumento, e l'hazard ratio aggiustato reciprocamente rispetto alla variazione del punteggio z del rischio combinato dall'infanzia all'età adulta è stato 2.88 per unità di aumento.
I risultati sono stati simili nell'analisi di 524 eventi cardiovascolari fatali o non-fatali.

In questo studio di coorte prospettico, i fattori di rischio dell'infanzia e il cambiamento nel punteggio z del rischio combinato tra l'infanzia e l'età adulta sono stati associati a eventi cardiovascolari nella mezza età. ( Xagena2022 )

Jacobs DR Jr et al, N Engl J Med 2022; 386: 1877-1888

Cardio2022 Pedia2022



Indietro