Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

La Digossina associata a più alto rischio di mortalità nei pazienti con insufficienza cardiaca


La Digossina ( in Italia: Eudigox, Lanoxin ), un farmaco comunemente usato per il trattamento dei disturbi cardiaci, è risultato associato a un tasso più elevato di mortalità del 72% tra gli adulti con insufficienza cardiaca sistolica di nuova diagnosi, secondo uno studio del Kaiser Permanente e pubblicato su Circulation: Cardiovascular Quality.

La Digossina è un farmaco derivato dalla Digitale, una pianta che è stata usata per più di 200 anni per il trattamento della insufficienza cardiaca.

Questi risultati suggeriscono che l'uso della Digossina dovrebbe essere rivalutato per il trattamento dello scompenso cardiaco sistolico nella pratica clinica contemporanea.

I risultati dello studio del Kaiser Permanente sono in contrasto con i risultati dello studio randomizzato DIG ( Digitalis Investigation Group ), condotto tra il 1991 e il 1993, che aveva dimostrato che la Digossina non era associata a una più bassa mortalità tra i pazienti con insufficienza cardiaca sistolica, o, a un malfunzionamento nella funzione di pompa del ventricolo sinistro.
In seguito, le lineeguida cliniche avevano inserito l'uso della Digossina per i pazienti con disfunzione sistolica.

L’attuale studio è stato condotto su 2.891 adulti all'interno del Kaiser Permanente nel Nord California ( Stati Uniti ); a questi pazienti era stata diagnosticata l’insufficienza cardiaca sistolica nel periodo 2006-2008; nessuno aveva fatto uso di Digossina in precedenza.
Durante il periodo di studio, il 18% dei partecipanti ha iniziato ad assumere la Digossina.

I ricercatori hanno seguito i pazienti fino al 31 dicembre 2010 per valutare l'efficacia e la sicurezza della Digossina.

E’ stato scoperto che l'uso della Digossina era associato a una maggiore mortalità, ma a nessuna differenza significativa nel rischio di ospedalizzazione per scompenso cardiaco.
Ci sono stati complessivamente 801 decessi ( 737 pazienti non-in-trattamento con Digossina e 64 pazienti in-trattamento con Digossina ).
Dopo aggiustamento per i potenziali fattori confondenti, l'uso della Digossina è risultato associato a un tasso relativo più elevato del 72% di mortalità.

Ci sono state 1.723 ospedalizzazioni per insufficienza cardiaca complessiva ( 1.596 pazienti non-in-trattamento con Digossina, 127 pazienti in-trattamento con Digossina ).
Tuttavia, dopo aggiustamento per i potenziali fattori confondenti, l'uso della Digossina non è risultata significativamente associata con l'ospedalizzazione per insufficienza cardiaca.

Secondo i ricercatori, la popolazione del Kaiser Permanente esaminata ha una maggiore probabilità di rappresentare i pazienti con insufficienza cardiaca sistolica in epoca moderna per quanto riguarda la patogenesi e i modelli di trattamento.
Pertanto, i risultati di questo studio potrebbero essere più veritieri, rispetto a quelli dello studio DIG, per i pazienti con insufficienza cardiaca sistolica. ( Xagena2013 )

Fonte: Kaiser Permanente Division of Research ( DOR ), 2013

Cardio2013 Farma2013


Indietro