Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Xagena Mappa

Le basse dosi di Aspirina non producono beneficio cardiovascolare, ma aumentano il rischio di sanguinamento nei pazienti con diabete mellito di tipo 2


Nei pazienti con diabete mellito di tipo 2, la terapia con Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) a basso dosaggio non ha influenzato il rischio di eventi cardiovascolari, ma ha aumentato il rischio di sanguinamento gastrointestinale, rispetto ai pazienti non-assegnati alla terapia con Aspirina.

Sono stati analizzati i dati di 1.621 pazienti con diabete mellito di tipo 2, senza preesistente malattia cardiovascolare, che avevano preso parte a JAPD ( Japanese Primary Prevention of Atherosclerosis with Aspirin for Diabetes ), uno studio randomizzato e controllato con cura standard, in aperto, che ha valutato il beneficio cardiovascolare della Aspirina a basso dosaggio.
L'età media al basale era di 65 anni, il 55% era costituito da uomini e la durata media del diabete mellito era di 7 anni.
Lo studio è stato avviato nel 2002.
Un totale di 2.160 pazienti sono stati inclusi nell'analisi per protocollo.

I pazienti sono stati assegnati a ricevere terapia con Aspirina ( 81 mg oppure 100 mg al giorno; n = 992 ) o nienteAspirina ( n = 1.168 ).

Dopo la fine dello studio ( 2008 ), i pazienti sono stati seguiti ogni due anni fino al 2015.
Il periodo osservazionale medio è stato di 10.3 anni.

Gli endpoint primari erano il tempo di prima occorrenza di morte cardiovascolare, malattia coronarica fatale o non-fatale, ictus fatale o non-fatale, e malattia vascolare periferica.

Durante il follow-up, si sono verificati 317 eventi cardiovascolari: 151 nel gruppo Aspirina e 166 nel gruppo non-Aspirina.

Non sono state osservate differenze tra i gruppi per gli endpoint primari; l'hazard ratio ( HR ) per la terapia con Aspirina è stato pari a 1.14 ( IC 95%, 0.91-1.42 ).

I risultati sono persistiti dopo aggiustamento per età, sesso, controllo glicemico, funzione renale, abitudine al fumo, ipertensione e dislipidemia ( HR=1.04; IC 95%, 0.83-1.3 ).

All'interno della coorte, 25 pazienti nel gruppo Aspirina e 12 pazienti nel gruppo non-Aspirina hanno sviluppato sanguinamento gastrointestinale.
Non sono state riscontrate differenze tra i gruppi per ictus emorragico.

Il follow-up post-studio JPAD ( osservazione per più di un decennio ) ha indicato che la terapia a lungo termine con Aspirina a basso dosaggio non è associata a una più bassa incidenza di eventi cardiovascolari nei pazienti giapponesi con diabete mellito di tipo 2 nella prevenzione primaria.
La terapia con Aspirina a basso dosaggio è risultata associata a un significativo aumento di incidenza di sanguinamento gastrointestinale. ( Xagena2016 )

Fonte: American Heart Association ( AHA ) Scientific Sessions, 2016

Cardio2016 Endo2016 Farma2016


Indietro