Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Le statine sono associate a pochi effetti indesiderati, ma aumentano il rischio di diabete mellito


Una meta-analisi ha mostrato che l'uso delle statine sembra essere associato a un basso rischio di effetti avversi, ma a un leggero aumento del rischio di sviluppare diabete mellito.
La Simvastatina ( Sinvacor, Zocor ) e la Pravastatina ( Pravachol, Sanaprav ) hanno dimostrato il più basso rischio di effetti avversi.

I ricercatori hanno esaminato i dati di 135 studi clinici randomizzati che hanno valutato le statine in soggetti con e senza malattia cardiovascolare. La revisione ha incluso 55 studi controllati con placebo a due braccia e 80 studi con comparatore attivo, a due o più braccia, condotti tra il 1985 e l'inizio del 2013, e che hanno riguardato 246.955 partecipanti.
Gli studi hanno valutato sette statine attualmente presenti sul mercato.
Il periodo osservazionale medio negli studi era di 68 settimane.

Dalla meta-analisi è emerso che, nel complesso, le statine non hanno aumentato in modo significativo il rischio di mialgia, miopatia, rabdomiolisi o di cancro, rispetto al trattamento di controllo.

Le statine, come classe, sono risultate associate a un rischio aumentato del 9% per il diabete mellito ( odds ratio, OR=1.09 ) verso il controllo. La Rosuvastatina ( Crestor ) ha mostrato il più alto rischio ( OR=1.16 ).

Le statine erano anche correlate a un più alto rischio di innalzamento delle transaminasi ( OR=1.51 ), rispetto al controllo. La Pravastatina era associata a un minor rischio ( OR=0.27 ) rispetto alla Atorvastatina ( Lipitor, Torvast ).

Quando le singole statine sono state confrontati nella meta-analisi, la Simvastatina ( OR= 0.75 ) e la Pravastatina ( OR=0.68 ) erano associate a minore incidenza di sospensione del trattamento a causa di eventi avversi, rispetto alla Atorvastatina.
La meta-analisi a coppie ha dimostrato che la Simvastatina era significativamente più tollerata della Atorvastatina ( OR= 0.61 ) e della Rosuvastatina ( OR=0.49 ).

I più alti dosaggi sono apparsi influire sulla sospensione a causa di effetti avversi, rispetto al controllo, in particolare Atorvastatina al dosaggio superiore a 20 mg/die e inferiore o uguale a 40 mg/die ( OR=2.72 ), e Atorvastatina al dosaggio superiore a 40 mg/die ( OR=1.69 ).
Dosi più elevate di Atorvastatina, Fluvastatina, Lovastatina e Simvastatina sono risultate associate con la più alta probabilità di aumenti delle transaminasi.
La Simvastatina al dosaggio di 40 mg/die era correlata a un aumento del rischio di elevazione dei livelli di creatin-chinasi ( OR=4.14 ).

Gli eventi avversi associati alla terapia con le statine, considerate come classe terapeutica, non sono comuni. Tra le singole statine, la Simvastatina e la Pravastatina sono apparse più sicure e più tollerabili rispetto alle altre statine. ( Xagena2013 )

Fonte: Circulation: Cardiovascular Quality and Outcomes, 2013

Endo2013 Cardio2013 Farma2013


Indietro