Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
XagenaNewsletter

Losmapimod non migliora gli esiti cardiovascolari dopo infarto miocardico


Losmapimod, quando somministrato ai pazienti dopo infarto del miocardio, non ha ridotto i successivi gravi eventi cardiovascolari, compresa la morte.

Dopo un infarto miocardico, gli elevati livelli di infiammazione danneggiano ulteriormente il tessuto cardiaco, con conseguente peggior esito cardiovascolare.
Un nuovo inibitore p38 MAPK ( protein-chinasi attivata da mitogeni ), Losmapimod, ha dimostrato di ridurre alcuni marcatori infiammatori dopo infarto miocardico in ambito clinico.

Uno studio randomizzato e controllato, ha cercato di determinare quali effetti la terapia con Losmapimod potrebbe avere sugli esiti cardiovascolari.

Dallo studio è emerso che Losmapimod, somministrato per 24 settimane dopo un infarto miocardico, non è risultato associato a una riduzione degli eventi cardiovascolari gravi, tra cui successivo infarto miocardico, ischemia ricorrente che porta a rivascolarizzazione o morte cardiovascolare.
Inoltre, molti endpoint secondari di cattiva salute cardiovascolare sono rimasti elevati in entrambi i gruppi di trattamento e di controllo.

Nonostante la stratificazione per sesso, età, infarto miocardico senza sopraslivellamento ST ( NSTEMI ) o con sopraslivellamento ST ( STEMI ), precedente strategia di trattamento, e per altri fattori, Losmapimod ha continuato a non mostrare alcun beneficio clinico rispetto al placebo.
Nonostante questa mancanza di efficacia clinica, la somministrazione di Losmapimod è risultata correlata a una diminuzione dei livelli di CRP ( proteina C-reattiva ) in fase acuta e conseguenti riduzioni di BNP ( peptide natriuretico di tipo B ) per un massimo di 12 settimane dopo infarto miocardico.
Tuttavia, entrambi questi marcatori sono ritornati agli stessi livelli di quelli del gruppo placebo alla fine dello studio.

Allo stesso modo, non sono state riscontrate differenze in altri esiti avversi o effetti collaterali.

I risultati di questo studio ha indicato che la monoterapia a base di Losmapimod è improbabile che sia clinicamente utile per i pazienti dopo un infarto miocardico.
Tuttavia, ulteriori studi potrebbero esplorare l’uso di Losmapimod in combinazione con altri farmaci anti-infiammatori.

Un totale di 3490 pazienti, arruolati in 322 Centri in 34 Paesi che presentavano infarto NSTEMI o infarto STEMI sono stati randomizzati a ricevere Losmapimod ( 7.5 mg BID [ due volte die ] ) oppure placebo per 24 settimane.
I criteri di esclusione comprendevano instabilità clinica, malattie epatiche o malattie renali, acute o croniche, infezioni opportunistiche o insufficienza cardiaca classe NYHA III o superiore al momento dell’infarto miocardico.

Non è stata riscontrata alcuna differenza negli endpoint primari di morte cardiovascolare, infarto miocardico ricorrente o grave ischemia ricorrente che richiede la rivascolarizzazione tra i gruppi di trattamento e placebo.

Gli endpoint secondari, tra cui ospedalizzazione per insufficienza cardiaca, ictus, malattia coronarica, o trombosi dello stent, erano simili.

Non sono state osservate differenze quando i pazienti sono stati raggruppati per età, sesso, primo infarto miocardico, malattia renale cronica, infarto NSTEMI versus infarto STEMI, un precedente intervento coronarico percutaneo ( PCI ) o bypass coronarico ( CABG ), strategia di trattamento per infarto miocardico pianificata o corrente, il tempo dalla randomizzazione alla procedura PCI, o il numero di predittori di rischio cardiovascolare.

Losmapimod ha ridotto CRP a 4 settimane e BNP a 12 settimane dopo infarto miocardico, ma entrambi i livelli sono ritornati a quelli del gruppo placebo dopo questi periodi.

Non è stata riscontrata nessuna differenza di eventi avversi o di effetti collaterali. ( Xagena2016 )

Fonte: JAMA, 2016

Cardio2016 Farma2016


Indietro