Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

L’uso di FANS a breve termine aumenta il rischio cardiovascolare nei pazienti con un precedente infarto miocardico


Un trattamento di breve durata con farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ) è associato ad un aumentato rischio di morte e di infarto miocardico in persone con un precedente infarto miocardico.

Sulla base di questi risultati, non appare esserci una finestra terapeutica sicura per i FANS nei pazienti con precedente infarto miocardico, e che né il trattamento a breve né a lungo termine con farmaci antinfiammatori sia consigliabile in questa popolazione.

Studi recenti hanno rilevato che i FANS sono associati ad un aumentato rischio cardiovascolare, sia negli individui sani che in quelli con malattia cardiovascolare.
Inoltre, dagli studi sono emersi effetti acuti o subacuti degli inibitori selettivi della cicloossigenasi-2 ( Cox-2 ) e di FANS non-selettivi sul sistema cardiovascolare.

Nello studio in esame, è stato valutato l'impatto della durata del trattamento con FANS sul rischio cardiovascolare.
I soggetti dello studio sono stati 83.675 d’età uguale o superiore ai 30 anni che hanno sofferto di un primo infarto miocardico non-fatale tra il 1997 e il 2006.

Durante il periodo osservazionale, il 42.3% dei partecipanti ha ricevuto FANS e si sono verificati 35.257 decessi o infarti miocardici ricorrenti ( 42.1% ).
I FANS più comunemente utilizzati sono stati Ibuprofene ( 23.2% ) e Diclofenac ( 13.4% ).

L’analisi time-to-event ha rivelato che la terapia con FANS è risultata associata a un aumento significativo del rischio di mortalità e di infarto miocardico all'inizio del trattamento ( hazard ratio, HR=1.45 ) e che questo aumento del rischio si è mantenuto per tutta la durata del trattamento ( HR=1.55 a 90 giorni ).

L'analisi dei singoli farmaci ha rivelato che Rofecoxib ( Vioxx ) è stato associato ad un aumentato rischio di morte e di infarto miocardico nella prima settimana di trattamento; Celecoxib ( Celebrex ) ha apportato un aumento del rischio dopo 14-30 giorni di trattamento; Diclofenac ( Voltaren ) è risultato associato ad un aumentato rischio a partire dall'inizio del trattamento e il rischio è stato persistente durante tutto il trattamento; l’Ibuprofene ( Brufen ) ha mostrato un aumento del rischio quando utilizzato per almeno 1 settimana.

Questi risultati confutano l'opinione secondo la quale i FANS non sono nocivi nel corso di trattamenti a breve termine ( 1 settimana ), e sono a sostegno dei precedenti studi che hanno mostrato come i pazienti con infarto miocardico fossero a maggior rischio assumendo i farmaci antinfiammatori.

Secondo gli autori, è preoccupante il fatto che Diclofenac, un antinfiammatorio non-selettivo, ampiamente utilizzato, sia stato associato a un rischio cardiovascolare precoce e più alto rispetto all’inibitore selettivo della cicloossigenasi-2 Vioxx, ritirato dal mercato nel 2004 a causa del suo sfavorevole profilo di rischio cardiovascolare. ( Xagena2011 )

Fonte: Circulation, 2011


Cardio2011 Farma2011 Reuma2011


Indietro