Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Xagena Mappa

L'uso precoce dell'Aspirina può ridurre il rischio di mortalità negli adulti ricoverati in ospedale con COVID-19


Da uno studio di coorte osservazionale, è emerso che tra i pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19 in forma moderata, quelli che hanno ricevuto l'Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ), il primo giorno di ricovero, avevano un rischio significativamente inferiore di mortalità a 28 giorni rispetto a quelli che non hanno assunto questo antiaggregante.

I risultati sono coerenti con precedenti studi osservazionali.

L'attuale studio è il più grande studio di coorte fino ad oggi effettuato che ha valutato l'impatto dell'uso precoce dell'Aspirina nei pazienti ricoverati in ospedale con forma moderata di COVID-19.
L'analisi ha incluso 112.269 adulti che sono stati arruolati dal 1 gennaio 2020 al 10 settembre 2021 in 64 strutture sanitarie statunitensi, partecipanti al National COVID Cohort Collaborative del NIH ( National Institutes of Health ).
L'età media dei pazienti era di 63 anni. La maggior parte dei pazienti ( 52.7% ) era bianca; il 16.1% era afroamericano, il 3.8% asiatico, il 5% era di un'altra razza ed etnia e il 22.4% aveva una razza ed etnia sconosciute.

Il tasso complessivo di mortalità intraospedaliera è stato pari al 10.9%.
Dopo ponderazione del trattamento con probabilità inversa, il tasso di mortalità intraospedaliera a 28 giorni è stato del 10.2% tra i pazienti che avevano ricevuto Aspirina il primo giorno di ricovero contro l'11.8% tra quelli che non avevano ricevuto Aspirina precocemente ( odds ratio, OR = 0.85; IC 95%, 0.79-0.92 ).
Inoltre, è stato osservato un tasso significativamente più basso di embolia polmonare, ma non di trombosi venosa profonda, nei pazienti che hanno ricevuto l'Aspirina precocemente rispetto a quelli che non l'hanno fatto ( 1% vs 1.4%; OR = 0.71; IC 95%, 0.56-0.9 ).

I pazienti che hanno tratto particolare beneficio dall'uso precoce dell'Aspirina hanno incluso quelli di età superiore ai 60 anni ( 61-80 anni: OR = 0-79; IC 95%, 0.72-0.87; maggiore di 80 anni: OR = 0-79; IC 95%, 0.69-0.91 ) e quelli con comorbidità ( 6.4% vs 9.2% ).

E' stato anche studiato se l'uso di Aspirina aumentasse il rischio di complicanze emorragiche.
I pazienti che hanno ricevuto l'Aspirina precocemente non avevano tassi più elevati di emorragia gastrointestinale ( 0.8% versus 0.7% ), emorragia cerebrale ( 0.6% vs 0.4% ) o necessità di trasfusione di sangue ( 2.7% vs 2.3% ).
Inoltre, un composito di complicanze emorragiche non era più prevalente nel gruppo dell'Aspirina precoce ( 3.7% vs 3.2% ).

Sebbene il composito delle complicanze emorragiche non sia risultato significativamente più alto nel gruppo Aspirina assunta precocemente, i rischi dell'Aspirina devono essere attentamente valutati prima del trattamento.
Uno studio randomizzato e controllato ( RCT ) in una popolazione di pazienti diversificata con condizioni ad alto rischio è necessario per confermare questi risultati. ( Xagena2022 )

Fonte: JAMA Network Open, 2022

Cardio2022 Inf2022 Farma2022


Indietro