Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
XagenaNewsletter

Molte cateterizzazioni cardiache diagnostiche pre-operatorie appaiono inutili


In questo studio retrospettivo su pazienti sottoposti a valutazione cardiaca prima della chirurgia non-cardiaca, circa il 50% dei pazienti sottoposti a cateterizzazione cardiaca erano asintomatici, e circa un quarto della coorte che ha subito cateterizzazione ha continuato a ottenere rivascolarizzazioni mediante intervento coronarico percutaneo ( PCI ) o bypass chirurgico.

Anche se la cateterizzazione cardiaca di routine prima di interventi chirurgici cardiaci non sia raccomandata, i pazienti con alcuni fattori di rischio sono ancora sottoposti a stress test cardiaco non-invasivo o direttamente a cateterizzazione cardiaca con l’obiettivo di verificare la presenza di malattia coronarica ostruttiva.

Le caratteristiche dei pazienti, i risultati angiografici, o gli esiti clinici della cateterizzazione non sono stati ben studiati.
Questa analisi descrittiva retrospettiva era, pertanto, finalizzata a descrivere queste caratteristiche in pazienti clinicamente stabili sottoposti a cateterizzazione cardiaca prima della chirurgia non-cardiaca.

Nello studio di coorte, circa un terzo dei pazienti non era stato sottoposto a uno stress test non-invasivo prima della cateterizzazione cardiaca.

Circa il 50% dei pazienti sottoposti a cateterizzazione cardiaca erano asintomatici, e circa un quarto della coorte che ha subito cateterizzazione ha continuato a ottenere rivascolarizzazioni con intervento coronarico percutaneo ( PCI ) o bypass chirurgico.
Un quarto dei pazienti che sono stati sottoposti a rivascolarizzazione erano asintomatici.

Anche se questo studio non ha valutato i risultati a lungo termine dopo l'intervento chirurgico indice, sono emersi i possibili gruppi di pazienti che possono aver ricevuto un eccesso di trattamento per la loro malattia coronarica.
Tuttavia, sono necessari in futuro studi per valutare i risultati a lungo termine di questi pazienti.

Questa analisi descrittiva retrospettiva ha utilizzato il National Cardiac Data Registry 2009-2014.
I pazienti che erano stati sottoposti a interventi chirurgici non-cardiaci e avevano ricevuto una cateterizzazione diagnostica come parte della valutazione pre-operatoria sono stati inclusi nella coorte.
Sono stati esclusi i pazienti con sindrome coronarica acuta, shock cardiogeno, arresto cardiaco o cateterizzazione di emergenza.

Dei 194.444 pazienti della coorte, la maggioranza era di origine caucasica, di sesso maschile e in sovrappeso o obesi.
La maggior parte dei pazienti erano asintomatici ( 117.821; 60.6% ).

Un precedente test da sforzo era stato fatto nel 65.2% ( 126.766 ) dei pazienti, e l’86.3% di questo precedente test era risultato positivo.

L’intervento chirurgico di bypass o la procedura PCI erano stati eseguiti a 46.380 ( 23.8% ) pazienti.
Di questi, 27.191 erano pazienti clinicamente asintomatici.

La rivascolarizzazione è stato consigliata al 48.3% ( 45.083 ) dei pazienti con malattia ostruttiva riscontrata nel laboratorio di cateterizzazione, e raramente nei pazienti con malattia coronarica non-ostruttiva ( 1249, 1.3% ).

Il tasso di mortalità correlato alla cateterizzazione è risultato basso pari a 0.05%. ( Xagena2016 )

Fonte: JAMA Internal Medicine, 2016

Cardio2016 Diagno2016



Indietro