Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Ossigenoterapia in sospetto infarto miocardico acuto


L'effetto clinico dell'ossigenoterapia di routine nei pazienti con sospetto infarto miocardico acuto che non presentano ipossiemia al basale è incerto.

In uno studio clinico randomizzato, DETO2X–SWEDEHEART, sono stati utilizzati i registri svedesi per l'arruolamento dei pazienti e la raccolta dei dati.
I pazienti con sospetto infarto miocardico e una saturazione di ossigeno del 90% o superiore sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Ossigeno supplementare ( 6 litri al minuto per 6-12 ore, erogato attraverso una maschera facciale aperta ) oppure aria ambientale.

In totale sono stati arruolati 6.629 pazienti

La durata mediana dell'ossigenoterapia è stata di 11.6 ore e la saturazione mediana dell'ossigeno alla fine del periodo di trattamento è stata del 99% tra i pazienti assegnati all'Ossigeno e del 97% tra i pazienti assegnati all'aria ambientale.

L'ipossiemia si è sviluppata in 62 pazienti ( 1.9% ) nel gruppo con Ossigeno, rispetto a 254 pazienti ( 7.7% ) nel gruppo con aria ambientale.

La mediana del più alto livello di troponina durante il ricovero è stata di 946.5 ng per litro nel gruppo Ossigeno e 983.0 ng per litro nel gruppo aria ambientale.

L'endpoint primario di morte per qualsiasi causa entro 1 anno dalla randomizzazione si è verificato nel 5.0% dei pazienti ( 166 su 3.311 ) assegnati all'Ossigeno e nel 5.1% dei pazienti ( 168 su 3.318 ) assegnati all'aria ambientale ( hazard ratio, HR=0.97; P=0.80 ).

La riospedalizzazione con infarto miocardico entro 1 anno si è verificata in 126 pazienti ( 3.8% ) assegnati all'Ossigeno e in 111 pazienti ( 3.3% ) assegnati all'aria ambientale ( HR=1.13, P=0.33 ).

I risultati sono stati costanti in tutti i sottogruppi predefiniti.

In conclusione, l'uso di routine di Ossigeno supplementare in pazienti con sospetto infarto miocardico che non presentavano ipossiemia non ha ridotto la mortalità per tutte le cause a 1 anno. ( Xagena2017 )

Hofmann R et al, N Engl J Med 2017; 377: 1240-1249

Cardio2017 Farma2017


Indietro