Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Rischio di cancro relativamente basso con la duplice terapia antiaggregante piastrinica


In uno studio su più di 9000 pazienti con sindrome coronarica acuta non-sottoposti a rivascolarizzazione e che erano in trattamento con doppia terapia antiaggregante piastrinica ( DAPT ) a base di Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) più Clopidogrel ( Plavix ) o Prasugrel ( Efient ), è stato osservato che i nuovi casi di tumore erano poco frequenti.

Nel corso di un periodo medio di follow-up di 1.5 anni, l'1.8% dei pazienti in entrambi i gruppi hanno sviluppato il cancro.

Questa scoperta si base su una analisi secondaria prespecificata, prospettica, dei dati dello studio TRILOGY ACS ( Targeted Platelet Inhibition to Clarify the Optimal Strategy to Medically Manage Acute Coronary Syndromes ).
Lo studio TRILOGY ACS era stato progettato per valutare il rischio di cancro da duplice terapia antiaggregante.

Ci sono stati 187 nuove neoplasie maligne che hanno riguardato 170 partecipanti ( 1.8% dei 9240 partecipanti trattati ) durante il follow-up.

I più comuni tumori non-cutanei erano: tumore del polmone / bronchi ( 14.4% ), tumore della mammella ( 14.3% ), tumore della prostata ( 12.7% ), e tumore del colon ( 12.5% ), con tassi simili nei due bracci dello studio.
Quando sono stati rilevati, il 25% di tutti i tumori era in stadio 4 e il 17% era in stadio 3.
Un evento di sanguinamento ha attivato il rilevamento del cancro nel 25% dei casi.

Tra i 9105 pazienti senza una precedente malattia tumorale o un trattamento antitumorale, il tasso di nuovi casi di tumore è risultato simile nei pazienti randomizzati a DAPT con Prasugrel o con Clopidogrel ( 1.8% vs 1.7%, rispettivamente; HR=1.04, IC 95%, 0.77-1.42; P = 0.79 ).

L'esito composito di morte cardiovascolare, infarto miocardico, o ictus si è verificato più frequentemente tra i partecipanti con nuovi casi di tumore rispetto ai confronti ( 18.2% vs 13.5% ).

I pazienti presentavano una maggiore probabilità di avere rilevazione del cancro se vivevano in Nord America o in Europa occidentale / Scandinavia, o erano maschi o fumatori o presentavano iperlipidemia.
Ogni aumento di 10 anni di età sotto i 70 anni era anche associato a un aumentato rischio di rilevare un nuovo tumore, mentre essere stati sottoposti a un precedente bypass aorto-coronarico ( CABG ) era correlato a una diminuzione del rischio di sviluppare il cancro.

Le grandi differenze nei tassi di screening dei tumori nelle varie regioni geografiche in cui è stato effettuato lo studio hanno un effetto confondente sull'accertamento degli eventi di cancro durante il trattamento con la duplice terapia antiaggregante, dal momento che i test, di routine, di screening del tumore spesso individuano i tumori prima che diventino clinicamente rilevanti.
Inoltre, con un follow-up, breve, di 1-3 anni è difficile cogliere un segnale di aumentata incidenza di cancro. ( Xagena2015 )

Fonte: European Heart Journal, 2015

Cardio2015 Onco2015 Farma2015


Indietro