Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Spironolattone fornisce benefici nel trattamento della ipertensione resistente


L'aggiunta di Spironolattone ( Aldactone ) al trattamento standard nei pazienti con ipertensione resistente e diabete mellito può aiutare ad abbassare, in modo significativo, la pressione arteriosa.
Uno studio ha mostrato che questi pazienti difficili da curare, i quali ricevevano terapia di combinazione con diuretici, Ace-inibitori, bloccanti del recettore della angiotensina ( sartani ), calcioantagonisti, o beta-bloccanti, hanno visto la propria pressione sanguigna sistolica e diastolica significativamente ridotta senza un aumento del rischio di eventi avversi.

Lo studio ha riguardato pazienti con diabete mellito, e una pressione arteriosa basale maggiore di 130/80 mmHg nonostante il trattamento con tre o più farmaci antipertensivi.

In totale, 61 pazienti sono stati assegnati in maniera casuale a ricevere 25 mg di Spironolattone, mentre 58 sono stati trattati con placebo.
Il dosaggio di Spironolattone è stato titolato in base alla necessità, e il 44% dei pazienti ha ricevuto la dose di 50 mg.

Tutti i pazienti hanno assunto un diuretico; il 51% ha ricevuto Idroclorotiazide, e il 51% è stato trattato con un ACE inibitore, il 38% con un sartano, il 50% con un beta-bloccante, e l’84% con un bloccante dei canali del calcio.

Dopo quattro mesi, la pressione sanguigna sistolica è rimasta invariata nel braccio placebo, ma è risultata significativamente ridotta nel gruppo Spironolattone.

Lo stesso è stato osservato nel caso della pressione arteriosa diastolica.

L’endpoint principale era rappresentato dalla pressione sanguigna giornaliera, che è stata misurata mediante monitoraggio ambulatoriale continuo per 24 ore.

La pressione si è ridotta di 8.9/3.7 mm Hg. Inoltre, sono state riscontrate riduzioni in altre misure, in particolare la pressione notturna.

La massima riduzione della pressione sanguigna è stata raggiunta dopo 8 settimane. Da questo momento in poi, non sono stati osservati ulteriori cambiamenti.

Per quanto riguarda gli endpoint secondari più significativi, è stato osservato un aumento dei livelli di potassio nel plasma, che sono aumentati in modo significativo di 0.3 mmol/L nel gruppo Spironolattone, ma non nel braccio placebo.

I livelli plasmatici di creatinina sono risultati significativamente aumentati di 6 mmol/l nel braccio Spironolattone.
Tuttavia, la riduzione della velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ) non era significativamente differente tra i due gruppi.

L’escrezione urinaria di albumina era significativamente ridotta nei pazienti trattati con Spironolattone.

L’iperkaliemia è stato l'effetto collaterale più frequente; questo ha comportato la sospensione dello Spironolattone in 1 caso e la riduzione della dose in 3 casi.
Sono stati osservati casi di ginecomastia.
Lo Spironolattone è stato interrotto in un paziente a causa di grave ipotensione.

Nel complesso, il trattamento con Spironolattone è apparso sicuro e ben tollerato in questo gruppo di pazienti difficile da trattare. ( Xagena2013 )

Fonte: European Society of Hypertension ( ESH ) Scientific Sessions, 2013

Cardio2013 Farma2013


Indietro