Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Xagena Mappa

Strategia invasiva o conservativa iniziale per la malattia coronarica stabile


Tra i pazienti con malattia coronarica stabile e ischemia moderata o grave, non è chiaro se gli esiti clinici siano migliori in coloro che ricevono un intervento invasivo più una terapia medica rispetto a quelli che ricevono la sola terapia medica.

Sono stati assegnati casualmente 5.179 pazienti con ischemia moderata o grave a una strategia invasiva iniziale ( angiografia e rivascolarizzazione quando possibile ) e terapia medica o a una strategia conservativa iniziale di sola terapia medica e angiografia se la terapia medica falliva.

L'esito primario era un composito di morte per cause cardiovascolari, infarto del miocardio o ricovero per angina instabile, insufficienza cardiaca o arresto cardiaco rianimato.
Un esito secondario chiave era la morte per cause cardiovascolari o infarto del miocardio.

Nell'arco di 3.2 anni, 318 eventi con esito primario si sono verificati nel gruppo con strategia invasiva e 352 nel gruppo con strategia conservativa.

A 6 mesi, il tasso di eventi cumulativi è stato del 5.3% nel gruppo con strategia invasiva e del 3.4% nel gruppo con strategia conservativa ( differenza, 1.9 punti percentuali ); a 5 anni, il tasso cumulativo di eventi è stato rispettivamente del 16.4% e del 18.2% ( differenza, -1.8 punti percentuali ).
I risultati sono stati simili per l’esito secondario chiave.

L'incidenza dell’esito primario è stata sensibile alla definizione di infarto miocardico; un'analisi secondaria ha prodotto più infarti miocardici procedurali di incerta importanza clinica.
Ci sono stati 145 decessi nel gruppo con strategia invasiva e 144 decessi nel gruppo con strategia conservativa ( hazard ratio, HR=1.05 ).

Tra i pazienti con malattia coronarica stabile e ischemia moderata o grave, non sono state trovate evidenze che una strategia invasiva iniziale, rispetto a una strategia conservativa iniziale, abbia ridotto il rischio di eventi cardiovascolari ischemici o morte per qualsiasi causa in una media di 3.2 anni.
I risultati dello studio erano sensibili alla definizione di infarto miocardico utilizzata. ( Xagena2020 )

Maron DJ et al, N Engl J Med 2020; 382: 1395-1407

Cardio2020



Indietro