Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
XagenaNewsletter

Studio CARESS-HF: nessun beneficio dalla ultrafiltrazione rispetto alla terapia con diuretici nei pazienti con insufficienza cardiaca acuta


Nello studio CARESS-HF ( Cardiorenal Rescue Study in Acute Decompensated Heart Failure ), un dispositivo meccanico che rimuove il liquido dei pazienti con insufficienza cardiaca acuta e con sindrome cardio-renale non ha mostrato benefici rispetto alla terapia diuretica aggressiva; inoltre, il dispositivo ha peggiorato la funzione renale.

Il trattamento medico ha ridotto il peso corporeo di circa 5.44 kg senza modificare i livelli di creatinina rispetto a una perdita di circa 5.67 kg con il dispositivo, ma con un aumento della creatinina di 0.2 mg/dL.

La differenza è risultata statisticamente significativa, mostrando che l'approccio farmacologico è superiore al dispositivo per quanto riguarda l’endpoint delle variazioni die livelli di creatinina e del peso corporeo ( P=0.003 ).

A 60 giorni, il rischio di un evento avverso è risultato accresciuto del 50% nel gruppo ultrafiltrazione: circa il 50% dei pazienti sottoposti alla terapia farmacologica è andata incontro a un evento avverso grave contro circa il 75% di coloro che sono stati sottoposti a ultrafiltrazione ( P=0.026 ).

Lo studio CARESS-HF ha arruolato 188 pazienti con insufficienza cardiaca acuta con peggioramento della funzionalità renale ( aumento di 0.3 mg/dL dei livelli di creatinina ) e con congestione persistente.
Un totale di 94 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ultrafiltrazione; un secondo gruppo di pazienti è stato assegnato a trattamento farmacologico con somministrazione di diuretici con l’obiettivo di rimuovere 3-5 litri di urina al giorno.

L'età dei pazienti era di circa 68 anni, circa il 75% erano uomini, il 72% erano bianchi, circa due terzi soffriva di diabete mellito; il valore basale di creatinina sierica era approssimativamente di 2 mg/dL.

Nel caso in cui il flusso di urina dopo 48 ore non fosse risultato adeguato, poteva essere somministrata Dopamina, Dobutamina, Nitroglicerina, o Nesiritide a seconda dei casi.
Se la produzione di urina rimaneva ancora inadeguata, i pazienti erano sottoposti a terapia endovenosa guidata emodinamicamente, con passaggio alla ultrafiltrazione o alla dialisi.

I risultati sono stati esaminati dopo 96 ore dall'inizio della terapia, e i pazienti sono stati seguiti per altri 60 giorni.

A 96 ore, la variazione media del livello di creatinina è stata pari a -0.04 mg per decilitro ( -3.5 micromol per litro ) nel gruppo terapia farmacologica versus 0.23 mg per decilitro ( 20.3 micromol per litro ) nel gruppo ultrafiltrazione ( P=0.003 ). ( Xagena2012 )

Fonte: American Heart Association ( AHA ) Meeting, 2012


Cardio2012 Nefro2012 Farma2012


Indietro