Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
XagenaNewsletter

Studio dal-Outcomes: Dalcetrapib ha ridotto gli eventi cardiovascolari in una popolazione geneticamente distinta di pazienti


Gli inibitori CETP ( Cholesterol Ester Transfer Protein ) sono stati sviluppati in seguito al riconoscimento di una associazione tra polimorfismi di CETP e cambiamenti del colesterolo HDL in Giappone.

Dalcetrapib ( Roche ) è uno dei quattro inibitori CETP ad aver raggiunto lo sviluppo su larga scala. Altri sono Torcetrapib ( Pfizer ), Anacetrapib ( Merck ) ed Evacetrapib ( Eli Lilly ).
Oltre 17.000 pazienti hanno partecipato a studi clinici con Dalcetrapib, e più di 10.000 hanno assunto Dalcetrapib.
Un grande studio in doppio cieco cardiovascolare, dal-Outcomes, ha randomizzato oltre 15.000 pazienti che già assumevano statine per il controllo dei livelli di colesterolo.
I risultati dello studio sono stati equivoci; il farmaco è stato ben tollerato, non è emersa alcuna significativa riduzione degli eventi cardiovascolari nel gruppo Dalcetrapib, e il programma di sviluppo Dalcetrapib è stato terminato.

Nel 2012, i ricercatori dell'Heart Institute di Montreal ( Canada ) hanno trovato una significativa associazione tra gli effetti di Dalcetrapib nel modificare gli eventi cardiovascolari e il polimorfismo allelico nella posizione rs1967309 nel gene ADCY9 ( adenylate cyclase type 9 ).
I pazienti con un polimorfismo AA hanno presentato una riduzione del 39% degli eventi cardiovascolari ( Dalcetrapib versus placebo ), mentre quelli con polimorfismo GG sono andati incontro a un incremento del 27%, mentre GA ha avuto un effetto neutro, nella coorte dei pazienti dello studio dal-Outcomes.
Questa analisi retrospettiva è stata condotta su 5.749 pazienti.
Questi risultati sono stati confermati in una successiva analisi prospettica di 386 pazienti dello studio dal-Plaque, che ha misurato il cambiamento nello spessore intima-media carotideo ( cIMT ).
Come ipotizzato, i pazienti con un allele AA hanno mostrato regressione di cIMT, mentre i pazienti con GG hanno invece presentato una progressione.

La scoperta di una interazione farmaco-gene in un’ampia popolazione a rischio, non è correlata al metabolismo dei farmaci, è unica e inaspettata.

DalCor sta avviando uno studio, dal-GenE, che prevede di includere 5.000 pazienti per confermare in modo prospettico i risultati delle analisi di farmacogenomica dello studio dal-Outcomes in una popolazione di pazienti con polimorfismo AA nella posizione rs1967309 nel gene ADCY9. (  Xagena  )

Fonte: DalCor 2016

Cardio2016 Endo2016 Farma2016


Indietro