Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Ticagrelor ha ridotto gli eventi trombotici cardiovascolari nei pazienti con una storia di infarto miocardico nello studio PEGASUS-TIMI 54


Lo studio PEGASUS-TIMI 54 ( PrEvention with TicaGrelor of SecondAry Thrombotic Events in High-RiSk Patients with Prior AcUte Coronary Syndrome – Thrombolysis In Myocardial Infarction Study Group ), che ha coinvolto oltre 21 mila pazienti, ha raggiunto l’endpoint primario di efficacia. Lo studio ha valutato Ticagrelor ( compresse da 60 mg o da 90 mg da assumere 2 volte al giorno ) [ Brilique; Brilinta ] associato ad Acido Acetilsalicilico [ Aspirina ] a basso dosaggio nella prevenzione secondaria di eventi aterotrombotici nei pazienti che hanno subito un infarto miocardico da uno a tre anni prima dell’arruolamento nello studio.
L’endpoint primario di efficacia era un composito di morte cardiovascolare, infarto miocardico o ictus.

Lo studio PEGASUS-TIMI 54 ha valutato due differenti dosi di Ticagrelor verso placebo, entrambi in associazione a basso dosaggio di Aspirina, in pazienti di età superiore ai 50 anni che hanno subito un infarto del miocardio e avevano un ulteriore fattore di rischio cardiovascolare.
Lo studio era stato disegnato per migliorare la gestione dei pazienti che, dopo un anno dall’infarto miocardico, rimangono ad alto rischio di eventi trombotici.

Ticagrelor non è attualmente approvato per la prevenzione secondaria di eventi aterotrombotici nei pazienti con una storia di infarto miocardico avvenuto da oltre un anno.

Lo studio PEGASUS-TIMI 54 è parte del programma PARTHENON di AstraZeneca. Lo studio PLATO, con più di 18 mila pazienti coinvolti, è stato il primo all’interno del programma PARTHENON e ha gettato le basi che hanno permesso a Ticagrelor di essere approvato e incluso nelle 12 principali lineeguida di trattamento della sindrome coronarica acuta.

Ticagrelor è un antagonista diretto del recettore P2Y12, parte di una classe chimica denominata ciclo-pentil-triazolo-pirimidine ( CPTP ). Ticagrelor agisce inibendo l’attivazione delle piastrine ed è stato dimostrato che riduce la percentuale di eventi cardiovascolari trombotici, quali l’infarto miocardico o la morte cardiovascolare, in pazienti con sindrome coronatica acuta.
Ticagrelor ( 90 mg ) è indicato per la riduzione del tasso degli eventi cardiovascolari trombotici nei pazienti con una sindrome coronarica acuta ( angina instabile, infarto miocardico senza sopraslivellamento del tratto ST [ NSTEMI ] o infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST [ STEMI ] ).
Ticagrelor ha dimostrato di ridurre il tasso dell’endpoint combinato di morte cardiovascolare, infarto del miocardio o ictus rispetto a Clopidogrel ( Plavix ).
La differenza tra i due trattamenti antiaggreganti è stata messa in evidenza anche per i singoli endpoint di morte cardiovascolare e infarto del miocardio, mentre non sono state registrate differenze per l’ictus.
Nei pazienti gestiti con un intervento percutaneo coronarico ( PCI ) si è verificata anche una riduzione del tasso di trombosi dello stent. ( Xagena2015 )

Fonte: AstraZeneca, 2015

Cardio2015 Neuro2015 Farma2015


Indietro