CardioPreventariab.it
American Heart Association
Associazione Silvia Procopio

L’alta esposizione alle radiazioni a livello cardiaco può aumentare il rischio di insufficienza cardiaca nelle donne con tumore al seno


L'esposizione alle radiazioni a livello cardiaco da radioterapia conformazionale per tumore alla mammella è risultata associata ad aumento del rischio di insufficienza cardiaca con frazione di eiezione preservata.

In uno studio caso-controllo basato sulla popolazione, i ricercatori hanno valutato lo scompenso cardiaco incidente nelle donne che hanno subito radioterapia per il cancro al seno dal 1998 al 2013.

Sono state incluse nello studio 170 donne della Contea di Olmsted ( Minnesota, Stati Uniti ).
Tutte le donne sono state sottoposte a radioterapia assistita dalla tomografia computerizzata ( TC ).
I ricercatori hanno abbinato le 59 donne che avevano sviluppato insufficienza cardiaca con 111 controlli.
L'età media delle pazienti sottoposte a radioterapia era di 69 anni, e la dose media di radiazioni a livello cardiaco è stata determinata dalle immagini fornite dalla tomografia computerizzata di ciascun paziente e dal trattamento radioterapico adottato.

L'incidenza di insufficienza cardiaca, rispetto ai controlli, è aumentata con la più alta dose media di radiazioni a livello cardiaco.

La probabilità di una insufficienza cardiaca incidente, nonché di una insufficienza cardiaca con frazione di eiezione preservata ( HFpEF ) incidente è risultata essere maggiore con la più alta dose media di radiazioni a livello cardiaco ( odds ratio [ OR ] per insufficienza cardiaca per dose logaritmica media di radiazioni a livello cardiaco = 9.1; IC 95%, 3.4-24.4; OR per insufficienza cardiaca con frazione di eiezione preservata per dose logaritmica media di radiazioni a livello cardiaco = 16.9; IC 95%, 3.9-73.7 ).
Questo aumento è rimasto statisticamente significativo anche dopo aggiustamento per i fattori di rischio per l’insufficienza cardiaca.

L’incidenza di insufficienza cardiaca con ridotta frazione di eiezione ( HFrEF ) è aumentata con la più alta dose media di radiazioni a livello cardiaco, ma l'aumento non è risultato statisticamente significativo ( OR per HFrEF per dose logaritmica media di radiazioni a livello cardiaco = 3.17; IC 95%, 0.8-13 ).

Tra tutti i pazienti con scompenso cardiaco, il 64% ha presentato HFpEF ( frazione di eiezione maggiore o uguale al 50% ); 31% aveva HFrEF ( frazione di eiezione minore o uguale al 50% ); e il 5% dei pazienti non aveva una misurazione della frazione di eiezione.

Tra le 56 donne con insufficienza cardiaca che avevano una misura della frazione di eiezione, la frazione di eiezione era maggiore o uguale al 40% nell’89% ( n = 50 ) delle pazienti.

Dal momento della radioterapia allo scompenso cardiaco incidente, l'intervallo medio è stato di 5.8 anni.

Le pazienti con una precedente storia di cardiopatia ischemica o fibrillazione atriale avevano una maggiore probabilità di sviluppare scompenso cardiaco incidente.

Nuovi o ricorrenti eventi ischemici si sono verificati nel 18.6% dei pazienti nell’intervallo di tempo tra la radioterapia e l’insorgenza dello scompenso cardiaco.

Dallo studio è emerso che nelle donne più anziane, sottoposte a radioterapia contemporanea per cancro al seno, il rischio di insufficienza cardiaca con frazione di eiezione preservata in proporzione alla dose media di radiazioni somministrate a livello cardiaco, si presenta entro pochi anni dopo la radioterapia e non è mediato unicamente da eventi coronarici.
Questi dati suggeriscono che la dose radioterapica a livello cardiaco e i fattori di rischio ad alta frequenza devono essere considerati nelle decisioni riguardanti la radioterapia del carcinoma mammario, e sottolineano l'importanza delle tecniche per ridurre la dose somministrata a livello cardiaco.
Inoltre, questi dati forniscono ulteriore supporto all'importanza del sistema microvascolare coronarico nella fisiopatologia della insufficienza cardiaca con frazione di eiezione preservata. ( Xagena2017 )

Fonte: Circulation, 2017

Cardio2017 Onco2017 Gyne2017



Indietro