Cardiologia.net

Cardiologia Highlights

La morte cardiaca improvvisa nei bambini e giovani adulti è un evento devastante. È stato condotto uno studio prospettico, clinico e genetico, basato sulla popolazione, di morte cardiaca improvvisa ...


Una bassa pressione diastolica è associata a danno miocardico subclinico e a eventi di malattia coronarica, in particolare tra gli adulti con pressione sistolica di almeno 120 mm Hg. Queste sono le ...


I dati dello studio ENSURE-AF hanno mostrato che nei pazienti con fibrillazione atriale sottoposti a cardioversione, Edoxaban ( Lixiana; negli Stati Uniti: Savaysa ), un inibitore orale del Fattore Xa ...


Dallo studio randomizzato NORSTENT è emerso che gli stent medicati di seconda generazione e gli stent di metallo nudo presentavano tassi simili di mortalità e infarto miocardico. Tuttavia, i pazien ...


Dal registro CLARIFY è emerso che nei pazienti con malattia coronarica stabile, la pressione arteriosa sistolica inferiore a 120 mmHg o diastolica inferiore a 70 mmHg è risultata associata a rischio e ...


Nello studio CREST ( Carotid Revascularization Endarterectomy versus Stenting Trial ), non è stata trovata alcuna differenza significativa tra il gruppo di stenting e il gruppo di endoarteriectomia ri ...


Secondo l’American Heart Association ( AHA ) diversi farmaci comunemente utilizzati e integratori alimentari possono causare o peggiorare lo scompenso cardiaco. Le persone affette da scompenso card ...


Il trattamento con Tofacitinib ( Xeljanz ) per la psoriasi a placche non appare aumentare l'incidenza di eventi avversi cardiovascolari maggiori. E’ stato misurato l'effetto di Tofacitinib sui fatt ...


Uno studio ha mostrato che i marcatori di infiammazione correlati alla attività di malattia nei pazienti con artrite reumatoide sono associati a rischio di infarto del miocardio. E’ stata condotta ...


I dati dello studio CLEAN-TAVI hanno dimostrato che i pazienti sottoposti a posizionamento della valvola aortica per via transcatetere con un dispositivo di protezione cerebrale hanno presentato una ...


Nonostante il crescente uso, i beta-bloccanti non appaiono migliorare i tassi di mortalità o di riduzione degli eventi cardiovascolari nei pazienti di età uguale o superiore ai 65 anni con angina stab ...


Tra i pazienti recentemente ospedalizzati con insufficienza cardiaca e ridotta frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ), l'uso del farmaco Liraglutide ( Victoza ) non ha prodotto una maggio ...


I risultati dello studio OMEGA-REMODEL ( Omega-3 Acid Ethyl Esters on Left Ventricular Remodeling After Acute Myocardial Infarction ) tra i pazienti con infarto miocardico acuto, hanno mostrato che gl ...


La Liraglutide ( Victoza ) è associata a una diminuzione del rischio di eventi cardiovascolari, rispetto al placebo, nei pazienti con diabete mellito di tipo 2, in base ai risultati di LEADER ( Liragl ...


Ben il 45% degli infarti del miocardio possono essere silenti. Nuovi dati dallo studio ARIC hanno mostrato che l’infarto miocardico silente è associato a un rischio elevato di mortalità. Gli infart ...


In una analisi secondaria dello studio TUXEDO, i pazienti con diabete mellito trattati con Insulina hanno presentato un aumento significativo del rischio di eventi avversi cardiovascolari dopo interve ...


Uno studio ha mostrato che 1 paziente su 4 sviluppa scompenso cardiaco entro 4 anni da un primo infarto miocardico; il rischio aumenta con l’aumentare dell'età e in presenza di uno stato di deprivazio ...


Il beneficio di sopravvivenza di una strategia di bypass coronarico ( CABG ) aggiunto alla terapia medica guidata dalle lineeguida, in confronto con la sola terapia medica, nei pazienti con malattia c ...


Studi precedenti hanno dimostrato che tra i pazienti ad alto rischio con stenosi aortica, i tassi di sopravvivenza sono simili tra la sostituzione transcatetere della valvola aortica ( TAVR ) e la sos ...


Tra i pazienti con insufficienza cardiaca cronica, gli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina ( ACE inibitori ) riducono la mortalità e l'ospedalizzazione, ma il ruolo di un inibitore ...


Il rischio di mortalità cardiovascolare è apparso aumentato nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e malattia cardiovascolare che hanno sperimentato un evento cardiovascolare, specialmente per col ...


Tra quasi 35.000 donne inizialmente sane che sono state seguite per circa 20 anni, quelle che presentavano fibrillazione atriale di nuova insorgenza avevano un aumentato rischio di ammalarsi di tumore ...


I pazienti con arteriopatia periferica assegnati alle terapia con statine possono avere un più basso rischio di amputazione rispetto ai pazienti non-assegnati a questi farmaci. Utilizzando il datab ...


Gli inibitori CETP ( Cholesterol Ester Transfer Protein ) sono stati sviluppati in seguito al riconoscimento di una associazione tra polimorfismi di CETP e cambiamenti del colesterolo HDL in Giappone ...


Ritardare l’impianto di stent nei pazienti con infarto del miocardio con sopraslivellamento del segmento ST ( STEMI ) non riduce il tasso di mortalità, insufficienza cardiaca, infarto miocardico, o ri ...


Losmapimod, quando somministrato ai pazienti dopo infarto del miocardio, non ha ridotto i successivi gravi eventi cardiovascolari, compresa la morte. Dopo un infarto miocardico, gli elevati livelli ...


La terapia con statine ha ridotto significativamente il rischio di malattie cardiovascolari nei pazienti con rischio cardiovascolare intermedio. In particolare, la terapia con statine è risultata as ...


In questo studio retrospettivo su pazienti sottoposti a valutazione cardiaca prima della chirurgia non-cardiaca, circa il 50% dei pazienti sottoposti a cateterizzazione cardiaca erano asintomatici, e ...


La terapia con Estradiolo orale ha rallentato la progressione dell'aterosclerosi subclinica, quando avviato nella fase precoce della menopausa, ma non quando iniziata nella fase tardiva del postmenopa ...


Per i pazienti con insufficienza cardiaca cronica, la supplementazione giornaliera con Vitamina D-3 può migliorare la funzione cardiaca. La prognosi per i pazienti con insufficienza cardiaca non è ...


Il postcondizionamento ischemico nei pazienti con infarto miocardico con sopraslivellamento ST ( STEMI ) non è riuscito a ridurre in modo significativo la mortalità per qualsiasi causa o l’ospedalizza ...


I dati dello studio STICHES hanno mostrato che, rispetto alla sola terapia medica, il bypass aorto-coronarico ( CABG ) più terapia medica è in grado di ridurre i tassi di mortalità nell’arco di 10 ann ...


Una analisi post-hoc dei dati dello studio COGENT ha mostrato che gli inibitori della pompa protonica possono ridurre gli eventi gastrointestinali nei pazienti che necessitano di doppia terapia antiag ...


La relazione tra la proteina PCSK9 ( Proprotein Convertase Subtilisin/Kexin-type 9 ) e la malattia cardiovascolare incidente nella popolazione generale non è nota. Uno studio ha cercato di verifica ...


Circa un terzo delle morti cardiovascolari dopo sindrome coronarica acuta senza sopraslivellamento del tratto ST sono causate da morte cardiaca improvvisa. Sono stati analizzati i dati di 37.555 pa ...


I nuovi dati dello studio PARTNER hanno mostrato che la presenza di fibrillazione atriale alla dimissione ospedaliera dopo la sostituzione valvolare aortica per via transcatetere ( TAVR ) è associata ...


L’EMA ( European Medicines Agency ) ha concluso che il difetto nel dispositivo per la misurazione dell’INR utilizzato nello studio ROCKET non cambia le conclusioni sulla sicurezza globale e sul rappor ...


I risultati di una meta-analisi hanno indicato un maggior rischio, seppur moderato, di diabete mellito di nuova insorgenza dopo trattamento con Niacina, a prescindere dalla terapia con statine o Larop ...


In uno studio su più di 9000 pazienti con sindrome coronarica acuta non-sottoposti a rivascolarizzazione e che erano in trattamento con doppia terapia antiaggregante piastrinica ( DAPT ) a base di Aci ...


E’ stata valutata la sicurezza e l'efficacia di Selexipag ( Uptravi ) nei pazienti con ipertensione arteriosa polmonare. GRIPHON ( Prostacyclin [ PGI2 ] Receptor Agonist in Pulmonary Arterial Hyper ...


Uno studio osservazionale di ampie dimensioni ha mostrato che gli uomini che assumono Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) possono avere un minor rischio di morire a causa di cancro alla prostata. ...


La combinazione di Sacubitril e Valsartan, anche nota come Entresto, ha ridotto del 38% il tasso di riospedalizzazione a 30 giorni per insufficienza cardiaca in un'analisi dei dati dello studio PARADI ...


I risultati dello studio SPRINT ( Systolic Blood Pressure Intervention Trial ) hanno mostrato che l’obiettivo di pressione sistolica inferiore a 120 mmHg è associato a una minore incidenza di morte e ...


Una meta-analisi ha mostrato che l'uso di antibiotici macrolidi può essere associato a un leggero aumento del rischio di morte improvvisa o di aritmie ventricolari. I rischi assoluti di morte cardi ...


I dati di follow-up estesi a 15 anni non hanno mostrato alcun beneficio di sopravvivenza con una iniziale strategia basata sull’intervento coronarico percutaneo ( PCI ) più terapia medica ottimale ris ...


I risultati del periodo di follow-up esteso dello studio RESPECT hanno mostrato che la chiusura del forame ovale pervio mediante Amplatzer PFO Occluder sembra essere superiore alla terapia medica nell ...


Sono stati presentati al 2015 Annual Meeting dell’American Heart Association ( AHA ) i risultati di una sotto-analisi dello studio PEGASUS-TIMI 54, che ha valutato l’incidenza di interruzione della te ...


Dati preliminari, forniti dai National Institutes of Health ( NIH ) di Bethesda negli Stati Uniti, riguardanti uno studio clinico che ha valutato gli effetti dell’abbassamento della pressione arterios ...


I pazienti con infarto miocardico trattati con beta-bloccanti a un dosaggio notevolmente inferiore ( un quarto ) di quello che viene utilizzato negli studi clinici, hanno presentato un tasso di soprav ...


Un ampio studio osservazionale ha mostrato che i pazienti con ipertensione arteriosa che stanno assumendo i beta-bloccanti hanno tassi più elevati di complicanze cardiovascolari dopo chirurgia non-ca ...



2000-2014© XAGENA srl - P.IVA: 04454930969 - REA: 1748680 - Tutti i diritti riservati - Disclaimer