52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Cangrelor nei pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo


Da una meta-analisi è emerso che i potenziali candidati per il trattamento con Cangrelor ( Kengrexal ) includono pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo ( PCI ) emergente o urgente che non sono in grado di assumere farmaci per os o quelli che precedentemente hanno subito una procedura PCI con uno stent a rilascio di farmaco e richiedono un intervento chirurgico urgente cardiaco o non-cardiaco.


Sono stati analizzati i dati di 24.910 pazienti degli studi CHAMPION PCI, CHAMPION PHOENIX e CHAMPION PLATFORM che hanno richiesto procedura PCI.
I pazienti degli studi CHAMPION PHOENIX e CHAMPION PCI presentavano infarto STEMI ( infarto miocardico con sopraslivellamento ST ), angina stabile o infarto non-STEMI ( infarto miocardico senza sopraslivellamento ST ), mentre quelli dello studio CHAMPION PLATFORM non avevano sofferto di un infarto STEMI.

In tutti gli studi, i pazienti sono stati assegnati a Cangrelor, placebo o a Clopidogrel ( Plavix ).

I pazienti assegnati a Cangrelor hanno presentato una minore incidenza degli endpoint di efficacia clinica ( morte, infarto miocardico, rivascolarizzazione guidata da ischemia e trombosi dello stent ) rispetto al gruppo controllo, con una riduzione del 19% ( 3.8% vs 4.7%; odds ratio, OR = 0.81; IC 95% , 0.71-0.91 ) a 48 ore e del 13% a 30 giorni ( 5.3% vs 6.1%; OR = 0.87; IC 95%, 0.78-0.97 ).

Anche l'endpoint secondario chiave, trombosi dello stent, è risultato diminuito nei pazienti assegnati a Cangrelor del 41% rispetto al gruppo di controllo a 48 ore ( 0.5% vs 0.8%; OR = 0.59; IC 95%, 0.43-0.8 ) e del 31% a 30 giorni ( 0.9% vs 1.3%; OR = 0.69; IC 95%, 0.54-0.88 ).

Le probabilità ( odds ) di endpoint secondario composito triplo, definito come infarto miocardico, decesso e rivascolarizzazione guidata da ischemia, sono state ridotte del 19% nel gruppo Cangrelor a 48 ore ( 3.6% vs 4.4%; OR = 0.81; IC 95% , 0.71-0.92 ) e del 12% a 30 giorni ( 5.1% vs 5.7%; OR = 0.88; IC 95%, 0.79-0.98 ).

Il rischio per un composito di infarto miocardico con onda Q, morte e trombosi dello stent è risultato inferiore nei pazienti assegnati a Cangrelor rispetto al controllo a 48 ore ( 0.8% vs 1.3%; OR = 0.63; IC 95%, 0.49-0.81 ) e a 30 giorni ( 1.9% vs 2.4%; OR = 0.81; IC 95%, 0.68-0.96 ).

Il beneficio associato al trattamento con Cangrelor è stato pari a una riduzione del 32% rispetto al gruppo controllo quando l'endpoint primario composito a 48 ore comprendeva una combinazione di infarto miocardico con onda Q, morte e rivascolarizzazione guidata da ischemia ( 0.8% vs 1.2%; OR = 0.68; IC 95%, 0.52-0.87 ).
A 48 ore, Cangrelor ha anche ridotto la probabilità di infarto del 15% ( OR = 0.85; IC 95%, 0.74-0.97 ) e la rivascolarizzazione guidata da ischemia del 29% ( OR = 0.71; IC 95%, 0.52-0.98 ).

A 48 ore, l'incidenza di mortalità non è risultata differente tra i pazienti assegnati a Cangrelor e quelli assegnati al controllo ( 0.3% vs 0.4%, rispettivamente: OR = 0.73, IC 95%, 0.47-1.15 ).

Il beneficio di Cangrelor a 48 ore per gli esiti primari di efficacia è risultato riproducibile in tutti i sottogruppi e indipendentemente dalla presentazione clinica di sindrome coronarica acuta con sopraslivellamento ST, infarto STEMI o angina stabile. ( Xagena2019 )

Fonte: American Journal of Cardiology, 2019

Cardio2019 Farma2019


Indietro