52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Cilostazolo come terapia ponte per i pazienti con impianto di stent medicato con Paclitaxel che necessitano di intervento chirurgico


Il Cilostazolo ( Pletal ), un farmaco per os per la malattia arteriosa periferica potrebbe rappresentare un buona terapia antitrombotica ponte per i pazienti che necessitano di un intervento chirurgico dopo impianto di stent.

Nessuno dei 171 pazienti con stent a rilascio di Paclitaxel che hanno assunto Cilostazolo, e avevano sospeso la duplice terapia antiaggregante ( DAPT ), ha presentato un evento avverso cardiovascolare maggiore ( MACE ) nel corso della fase ponte o entro 30 giorni dall'intervento.

Lo studio è stato effettuato presso l’Holy Family Memorial Heart and Vascular Center a Manitowoc ( Wisconsin; USA ).

Nessun sanguinamento maggiore si è verificato tra i 132 pazienti a rischio durante i primi 30 mesi dopo aver ricevuto un impianto di stent a rilascio di Paclitaxel che hanno ripreso ad assumere la doppia terapia antiaggregante entro 48 ore.

Anche nel corso del primo anno dopo aver ricevuto lo stent medicato con Paclitaxel, il tasso di MACE è risultato basso ( 1 su 55 pazienti, 1.8% ) con Cilostazolo come ponte.

Cilostazolo è un inibitore della fosfodiesterasi ( PDE ) di tipo 3; agisce come un inibitore reversibile dei trombociti con una relativamente breve emivita di 10-12 ore.

Il protocollo è stato adattato al rischio del paziente:

A) la duplice terapia antiaggregante è stata interrotta dopo otto giorni di trattamento pre-intervento operatorio, e il Cilostazolo ( 100 mg BID o 50 mg per i pazienti che non tolleravano il farmaco ) è stato iniziato il giorno 7 pre-intervento operatorio;

B) per interventi a basso-moderato rischio di sanguinamento, il Cilostazolo è stato interrotto da 24 a 30 ore prima dell'intervento chirurgico, e la duplice terapia antiggregante è stata ripresa 12-24 ore dopo l'intervento;

C) per interventi chirurgici a elevato rischio di sanguinamento, il Cilostazolo è stato interrotto 54-60 ore prima dell'intervento chirurgico, e la duplice terapia antiaggregante è stata ripresa da 24 a 36 ore dopo la procedura.

La serie retrospettiva, denominata OUTSIDE START, ha incluso 183 interventi chirurgici consecutivi nei pazienti con stent a eluizione di Paclitaxel, e terapia ponte da 2 settimane a 60 mesi dopo l'impianto di stent in un periodo di 8 anni ( 2005-2012 ).
Il tasso di MACE era basso ( 4 su 12 ) tra i pazienti che non hanno potuto avere o non hanno ricevuto una dose adeguata, pre-intervento, di Cilostazolo e non hanno riavviato la duplice terapia antiaggregante entro 72 ore dopo l'intervento chirurgico.
Il tasso complessivo di MACE intent-to-bridge a 30 giorni è stato del 2.1%. ( Xagena2015 )

Fonte: Society for Cardiovascular Angiography and Interventions ( SCAI ) Meeting, 2015

Cardio2015 Chiru2015 Farma2105


Indietro