Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Xagena Mappa

COVID-10: malattia cardiovascolare, terapia farmacologica e mortalità


La malattia da Coronavirus 2019 ( COVID-19 ) può influenzare in modo sproporzionato le persone con malattie cardiovascolari.
In questo contesto clinico sono state sollevate preoccupazioni per un potenziale effetto dannoso degli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina ( ACE ) e dei bloccanti dei recettori dell'angiotensina ( ARB; sartani ).

Utilizzando un database osservazionale di 169 ospedali in Asia, Europa e Nord America, è stata valutata la relazione tra malattie cardiovascolari e terapia farmacologica con morte in ospedale tra i pazienti ricoverati con COVID-19 che sono stati ricoverati nel periodo 2019-2020, e sono stati registrati nel registro Surgical Outcomes Collaborative come morti in ospedale o sopravvissuti alle dimissioni al 28 marzo 2020.

Degli 8.910 pazienti con COVID-19 per i quali era disponibile lo stato di dimissione al momento dell'analisi, in totale 515 sono deceduti in ospedale ( 5.8% ) e 8.395 sono sopravvissuti alla dimissione.

I fattori associati indipendentemente a un aumentato rischio di morte in ospedale sono stati età superiore a 65 anni ( mortalità del 10.0% vs 4.9% tra i pazienti di età minore o uguale a 65 anni; odds ratio, OR=1.93 ), malattia coronarica ( 10.2% vs 5.2% tra i pazienti senza malattia; OR=2.70 ), insufficienza cardiaca ( 15.3% vs 5.6% tra i pazienti senza insufficienza cardiaca; OR=2.48 ), aritmia cardiaca ( 11.5% vs 5.6% tra i pazienti senza aritmia; OR=1.95 ), malattia polmonare ostruttiva cronica [ BPCO ] ( 14.2% vs 5.6% tra i pazienti senza malattia; OR=2.96 ) e abitudine al fumo corrente ( 9.4% vs 5.6% tra ex-fumatori o non-fumatori; OR=1.79 ).

Non è stato riscontrato alcun aumento del rischio di morte in ospedale associato all'uso di ACE inibitori ( 2.1% vs 6.1%; OR=0.33 ) o all'uso di sartani ( 6.8% vs 5.7%; OR=1.23 ).

Lo studio ha confermato precedenti osservazioni che suggeriscono che le malattie cardiovascolari basali sono associate a un aumentato rischio di morte in ospedale tra i pazienti ricoverati con COVID-19.
I risultati non hanno confermato i precedenti timori riguardo a una potenziale associazione dannosa di ACE-inibitori o sartani col decesso in ospedale in questo contesto clinico. ( Xagena2020 )

Mehra MR et al, N Engl J Med 2020; 382

Inf2020 Cardio2020 Farma2020


Indietro