Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

DECLARE-TIMI 58: più basso tasso di ospedalizzazioni per insufficienza cardiaca con Dapagliflozin nei pazienti affetti da diabete mellito di tipo 2


Nello studio DECLARE-TIMI 58 i pazienti con diabete mellito di tipo 2 che avevano o erano a rischio di malattia cardiovascolare aterosclerotica hanno presentato un tasso inferiore di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca quando trattati con Dapagliflozin ( Forxiga ), rispetto al placebo.
Tuttavia non sono state osservate differenze nel tasso complessivo di eventi avversi cardiovascolari maggiori ( MACE ) o di mortalità cardiovascolare tra i due gruppi.

Un totale di 17.160 pazienti, compresi 10.186 senza malattia cardiovascolare aterosclerotica, sono stati assegnati in modo casuale a Dapagliflozin o a placebo.

Il follow-up mediano è stato di 4.2 anni.

L'endpoint primario di sicurezza era un composito di eventi avversi cardiovascolari maggiori; gli endpoint primari di efficacia erano gli eventi MACE e un composito di morte o ospedalizzazione cardiovascolare per insufficienza cardiaca.
E' stato anche valutato il composito renale e il decesso da qualsiasi causa.

Complessivamente, Dapagliflozin non è risultato inferiore al placebo rispetto all'endpoint di sicurezza primaria, e non ha comportato un tasso inferiore di MACE in termini di endpoint primario di efficacia ( 8.8% nel gruppo Dapagliflozin versus 9.4% nel gruppo placebo ).

Tuttavia, nel gruppo Dapagliflozin è stato osservato un più basso tasso composito complessivo di morte cardiovascolare o di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca rispetto al placebo ( 4.9% versus 5.8% ), in gran parte a causa di una differenza nei ricoveri per insufficienza cardiaca tra i due gruppi.

Il più basso tasso di morte cardiovascolare o di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca nel gruppo Dapagliflozin rispetto al gruppo placebo era consistente in più sottogruppi, il che dimostra che Dapagliflozin previene eventi cardiovascolari, in particolare l'ospedalizzazione per insufficienza cardiaca, in una vasta gamma di pazienti, indipendentemente da una storia di malattia cardiovascolare aterosclerotica o di insufficienza cardiaca.

Un evento renale si è verificato nel 4.3% dei pazienti nel gruppo Dapagliflozin contro il 5.6% nel gruppo placebo.
La morte per qualsiasi causa si è verificata nel 6.2% di quelli assegnati a Dapagliflozin rispetto al 6.6% assegnato al placebo.

Una revisione e una meta-analisi di tre studi, tra cui DECLARE-TIMI-58, pubblicata su The Lancet, ha rilevato che gli inibitori SGLT2 producono modesti benefici sugli eventi avversi cardiovascolari maggiori di natura aterosclerotica nei pazienti con malattia cardiovascolare aterosclerotica definita, ma robusti benefici nel ridurre l'ospedalizzazione per insufficienza cardiaca e la progressione della malattia renale indipendentemente dalla malattia cardiovascolare aterosclerotica esistente o da una storia di insufficienza cardiaca.
L'analisi ha anche incorporato i dati di EMPA-REG OUTCOME e del CANVAS Program. ( Xagena2018 )

Fonte: American Heart Association ( AHA ) Meeting, 2018

Endo2018 Cardio2018 Farma2018


Indietro