Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Xagena Mappa

Effetto antitumorale dell'Aspirina: conferma da altri tre studi


La decisione di US Preventive Services Task Force ( USPSTF ) negli Stati Uniti di raccomandare l’assunzione quotidiana di bassi dosaggi di Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) per ridurre il rischio di cancro del colon-retto è stata sostenuta da tre nuovi studi caso-controllo di ampie dimensioni, presentati al Congresso annuale della Società Europea di Cardiologia.

Gli studi non sono stati presi in considerazione dalla USPSTF nelle sue deliberazioni perché troppo recenti. I tre studi, ognuno con un disegno metodologico differente, hanno riguardato globalmente più di 2 milioni di soggetti, e ciascun studio ha mostrato una riduzione di circa il 30% del rischio di cancro del colon-retto tra coloro che avevano fatto uso quotidiano di Aspirina.

Il primo studio ha coinvolto 170.336 nuovi utilizzatori di Aspirina a basso dosaggio per la prevenzione primaria o secondaria delle malattie cardiovascolari e un ugual numero di controlli che non avevano assunto l’Aspirina.
Durante un periodo mediano di 5.1 anni di follow-up e dopo aggiustamento per numerosi potenziali fattori confondenti, tra cui il fumo, l’indice di massa corporea ( BMI ), e l'uso di farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ), coloro che facevano uso di Aspirina sono stati trovati avere una riduzione del rischio relativo del 34% per il cancro del colon e del retto.

Il secondo studio ha confrontato 171.527 nuovi utilizzatori di Aspirina a basso dosaggio con 149.597 nuovi utilizzatori di Paracetamolo.
Coloro che avevano assunto Paracetamolo sono stati selezionati come gruppo di controllo.
Su una mediana di 5.8 anni di follow-up, gli utilizzatori di Aspirina a basso dosaggio hanno presentato una riduzione del rischio relativo del 29% per il cancro del colon-retto.

Il terzo studio ha utilizzato una metodologia caso-controllo nidificato. I ricercatori hanno iniziato con una coorte di 1.935.801 soggetti che non stavano assumendo con cadenza quotidiana l’Aspirina a basso dosaggio.
Hanno quindi identificato le persone all'interno di questa coorte che avevano avuto diagnosi di cancro del colon-retto nel corso di 7.5 anni di follow-up.
I soggetti identificati sono stati abbinati per età e sesso a 20.000 controlli, ed è stato determinato chi aveva assunto quotidianamente Aspirina a basso dosaggio per la prevenzione cardiovascolare durante il periodo di follow-up.
Coloro che avevano fatto uso di Aspirina con cadenza giornaliera hanno dimostrato di avere un rischio di cancro colorettale più basso del 31% rispetto ai non-utilizzatori.

Il fatto che in tutti e tre gli studi si sia osservato un effetto protettivo contro il cancro del colon-retto fornisce elementi contro l’ipotesi di errori durante la selezione.

In tutti e tre gli studi, l'effetto protettivo contro il tumore del colon-retto è stato maggiore nei pazienti che avevano assunto Aspirina a basso dosaggio per la prevenzione cardiovascolare secondaria piuttosto che per la prevenzione primaria.
I pazienti che avevano assunto l’Aspirina per la prevenzione secondaria negli studi uno, due, e tre hanno presentato una riduzione del rischio relativo di cancro colo-rettale, rispettivamente, del 40%, 38% e 39%, rispetto ai controlli che non avevano fatto uso di Aspirina.
Tra i soggetti trattati con Aspirina per la prevenzione cardiovascolare primaria, la riduzione del rischio relativo per il tumore del colon-retto è stata, nei tre studi, pari al 29%, 22%, e al 25%. ( Xagena2015 )

Fonte: European Society of Cardiology ( ESC ) Congress, 2015

Cardio2015 Onco2015 Farma2015


Indietro