52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Efficacia di Andexanet alfa nel ridurre l'attività anticoagulante degli inibitori del fattore Xa


Una ricerca ha dimostrato l'efficacia di Andexanet alfa ( Andexxa ) nel ridurre l'attività anticoagulante degli inibitori del fattore Xa.

Nello studio prospettico, in aperto, non-randomizzato, ANNEXA-4, sono stati arruolati 352 pazienti ( età media, 77 anni ) che presentavano sanguinamento maggiore acuto entro 18 ore dal ricevimento di un inibitore del fattore Xa.

Andexanet è stato somministrato prima come bolo e poi come infusione di 2 ore.

Gli esiti primari di efficacia includevano la percentuale di pazienti con efficacia emostatica buona o eccellente a 12 ore e la variazione percentuale dell'attività anti-fattore Xa.
Gli esiti di sicurezza primaria comprendevano la morte e l'incidenza di eventi trombotici.

I pazienti presentavano principalmente emorragia intracranica ( 64% ) o gastrointestinale ( 26% ).

L'attività mediana anti-fattore Xa è diminuita dal basale del 92% nei pazienti che hanno ricevuto Apixaban [ Eliquis ] ( da 149.7 ng/mL a 11.1 ng/mL ), del 92% nei pazienti che hanno ricevuto Rivaroxaban [ Xarelto ] ( da 211.8 ng/mL a 14.2 ng/mL ) e del 75% nei pazienti che hanno ricevuto Enoxaparina ( da 0.48 UI/ml a 0.15 UI/ml ).

Su 249 pazienti valutabili, 204 ( 82% ) hanno mostrato una efficacia emostatica buona o eccellente.
Ci sono stati 49 ( 14% ) decessi dei pazienti entro 30 giorni dal trattamento; gli eventi trombotici si sono verificati in 34 pazienti ( 10% ).

La riduzione dell'attività anti-fattore Xa è stata leggermente predittiva dell'efficacia emostatica nei pazienti con emorragia intracranica, ma nel complesso non era predittiva.

La terapia anticoagulante è stata reiniziata in 220 pazienti ( 62% ) entro 30 giorni dalla terapia con Andexanet.

Eventi trombotici si sono verificati durante il follow-up in 8 pazienti che sono stati ricominciati con terapia anticoagulante parenterale; nessun paziente che è stato ricominciato con terapia anticoagulante orale ha avuto un evento trombotico durante il follow-up.

In conclusione Andexanet alfa ha prodotto diminuzioni significative dell'attività anti-fattore Xa in pazienti con sanguinamento maggiore acuto derivanti dall'uso di un inibitore del fattore Xa.

Un altro studio clinico che utilizza un disegno prospettico, randomizzato e controllato per studiare la sicurezza e l'efficacia di Andexanet alfa nei pazienti con emorragia intracranica acuta è attualmente in corso. ( Xagena2019 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2019

Cardio2019 Emo2019 Neuro2019 Farma2019


Indietro