Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Efficacia di Andexanet alfa nel ridurre l'attività anticoagulante degli inibitori del fattore Xa


Una ricerca ha dimostrato l'efficacia di Andexanet alfa ( Andexxa ) nel ridurre l'attività anticoagulante degli inibitori del fattore Xa.

Nello studio prospettico, in aperto, non-randomizzato, ANNEXA-4, sono stati arruolati 352 pazienti ( età media, 77 anni ) che presentavano sanguinamento maggiore acuto entro 18 ore dal ricevimento di un inibitore del fattore Xa.

Andexanet è stato somministrato prima come bolo e poi come infusione di 2 ore.

Gli esiti primari di efficacia includevano la percentuale di pazienti con efficacia emostatica buona o eccellente a 12 ore e la variazione percentuale dell'attività anti-fattore Xa.
Gli esiti di sicurezza primaria comprendevano la morte e l'incidenza di eventi trombotici.

I pazienti presentavano principalmente emorragia intracranica ( 64% ) o gastrointestinale ( 26% ).

L'attività mediana anti-fattore Xa è diminuita dal basale del 92% nei pazienti che hanno ricevuto Apixaban [ Eliquis ] ( da 149.7 ng/mL a 11.1 ng/mL ), del 92% nei pazienti che hanno ricevuto Rivaroxaban [ Xarelto ] ( da 211.8 ng/mL a 14.2 ng/mL ) e del 75% nei pazienti che hanno ricevuto Enoxaparina ( da 0.48 UI/ml a 0.15 UI/ml ).

Su 249 pazienti valutabili, 204 ( 82% ) hanno mostrato una efficacia emostatica buona o eccellente.
Ci sono stati 49 ( 14% ) decessi dei pazienti entro 30 giorni dal trattamento; gli eventi trombotici si sono verificati in 34 pazienti ( 10% ).

La riduzione dell'attività anti-fattore Xa è stata leggermente predittiva dell'efficacia emostatica nei pazienti con emorragia intracranica, ma nel complesso non era predittiva.

La terapia anticoagulante è stata reiniziata in 220 pazienti ( 62% ) entro 30 giorni dalla terapia con Andexanet.

Eventi trombotici si sono verificati durante il follow-up in 8 pazienti che sono stati ricominciati con terapia anticoagulante parenterale; nessun paziente che è stato ricominciato con terapia anticoagulante orale ha avuto un evento trombotico durante il follow-up.

In conclusione Andexanet alfa ha prodotto diminuzioni significative dell'attività anti-fattore Xa in pazienti con sanguinamento maggiore acuto derivanti dall'uso di un inibitore del fattore Xa.

Un altro studio clinico che utilizza un disegno prospettico, randomizzato e controllato per studiare la sicurezza e l'efficacia di Andexanet alfa nei pazienti con emorragia intracranica acuta è attualmente in corso. ( Xagena2019 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2019

Cardio2019 Emo2019 Neuro2019 Farma2019


Indietro