52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Efficacia e sicurezza dell'Aspirina per la prevenzione delle malattie cardiovascolari primarie


Nelle persone a rischio di malattie cardiovascolari, l'uso profilattico di Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) a basso dosaggio riduce il rischio di infarto miocardico non-fatale e attacco ischemico transitorio ( TIA ), ma aumenta il rischio di sanguinamento non-fatale.

I ricercatori hanno condotto una revisione della letteratura di 15 studi clinici controllati randomizzati che hanno valutato l'efficacia e la sicurezza dell'Aspirina nelle persone a rischio di malattia cardiovascolare.
Hanno incluso studi che hanno confrontato una coorte di Aspirina con una coorte di controllo, e hanno seguito i partecipanti per almeno 1 anno.

I principali esiti cardiovascolari di interesse erano la morte per qualsiasi causa, la morte cardiovascolare, l'infarto miocardico, l'ictus, il TIA e gli eventi cardiovascolari avversi maggiori.
I principali esiti di sicurezza erano emorragie maggiori, emorragia intracranica, sanguinamento fatale e sanguinamento gastrointestinale maggiore.

I 15 studi clinici hanno incluso un totale di 165.502 pazienti. Di questi, 83.529 appartenevano alla coorte Aspirina e 81.973 erano controlli.
Le coorti erano comparabili per età e fattori di rischio cardiovascolare.
Entrambi i gruppi avevano anche fattori di rischio simili per la morte per qualsiasi causa ( rapporto di rischio [ RR] 0.97, IC 95%, 0.93-1.01, P = 0.13 ); morte non-cardiovascolare ( RR=0.98; IC 95%, 0.92-1.05; P = 0.53 ); infarto miocardico fatale ( RR=0.93, IC 95%, 0.79-1.11; P = 0.43 ); angina pectoris ( RR=0.92; IC 95%, 0.79-1.08; P = 0.30 ); rivascolarizzazione coronarica ( RR=0.96, IC 95%, 0.87-1.05; P = 0.36 ); arteriopatia periferica sintomatica ( RR=0.88, IC 95%, 0.7-1.09; P = 0.24 ); ictus fatale ( RR=1.03, IC 95%, 0.84-1.26, P = 1.81 ); e ictus non-fatale ( RR=0.94, IC 95%, 0.85-1.02, P = 0.15 ).

Rispetto ai controlli, la coorte Aspirina aveva un rischio più basso di infarto miocardico non-fatale ( RR=0.82, IC 95%, 0.72-0.94, P = 0.005 ); TIA ( RR=0.79; IC 95%, 0.71-0.89; P inferiore a 0.001 ); e ictus ischemico ( RR=0.87, IC 95%, 0.79-0.95, P = 0.002 ).

Tuttavia, la coorte Aspirina era anche ad aumentato rischio di sanguinamento maggiore ( RR=1.5; IC 95%, 1.33-1.69; P inferiore a 0.001 ); emorragia intracranica ( RR=1.32; IC 95%, 1.12-1.55; P = 0.001 ); sanguinamento gastrointestinale maggiore ( RR=1.52, IC 95%, 1.34-1.73; P inferiore a 0.001 ); e ulcera gastrointestinale ( RR=1.37, IC 95%, 1.07-1.76; P = 0.013 ).

I ricercatori hanno scoperto che l'Aspirina a basse dosi ( 100 mg/die o dosaggio inferiore ) ha ridotto il rischio di mortalità per qualsiasi causa per 5 anni o più ( RR=0.95, IC 95%, 0.9-0.99, P = 0.032 ); ictus totale ( RR=0.92, IC 95%, 0.85-0.99, P = 0.04 ); e ictus non-fatale ( RR=0.88, IC 95%, 0.8-0.96, P = 0.007 ).

I partecipanti alla coorte Aspirina ad alto rischio di malattia cardiovascolare aterosclerotica a 10 anni hanno anche presentato un ridotto rischio di morte cardiovascolare rispetto ai controlli ( RR=0.92, IC 95%, 0.84-1.0, P = 0.06 ).

Dallo studio è emerso che la decisione di impiegare l'Aspirina per la prevenzione primaria dovrebbe essere adattata al singolo paziente sulla base del rischio stimato ( malattia cardiovascolare aterosclerotica ) e del rischio di sanguinamento percepito, così come alle preferenze dei pazienti riguardo ai tipi di eventi prevenuti rispetto al potenziale sanguinamento causato. ( Xagena2019 )

Fonte: Journal of American College of Cardiology, 2019

Cardio2019 Farma2019


Indietro