Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

EMPA-HEART: Empagliflozin riduce la massa ventricolare sinistra


Dallo studio EMPA-HEART il trattamento dei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e anamnesi di malattia coronarica stabile, con Empagliflozin ( Jardiance ), un inibitore del co-trasportatore di sodio-glucosio di tipo 2 ( SGLT2 ), riduce significativamente la massa ventricolare sinistra.

I risultati hanno indicato che i benefici cardiovascolari e dell'insufficienza cardiaca del farmaco, che è stato inizialmente approvato per il controllo glicemico nei pazienti con diabete mellito di tipo 2, possono essere attribuibili al rimodellamento ventricolare sinistro.

Empagliflozin e altri inibitori SGLT2 hanno mostrato di influenzare la mortalità cardiovascolare e l'insufficienza cardiaca.
Tuttavia, il meccanismo con cui agiscono questi farmaci non è ben definito. In particolare, non è noto se queste terapie hanno la capacità di facilitare il rimodellamento cardiaco in modo diretto.

Il diabete melllito di tipo 2 è associato a una disfunzione renale progressiva, oltre a un aumento dei rischi di ipertensione, insufficienza cardiaca, malattia coronarica e fibrillazione atriale.
Gli inibitori SGLT2 hanno dimostrato di migliorare il controllo glicemico e di ridurre il peso corporeo in aggiunta al loro effetto benefico sui ricoveri per insufficienza cardiaca.

La riduzione della massa ventricolare sinistra è importante poiché la massa ventricolare sinistra è un predittore indipendente di eventi cardiovascolari, tra cui l'insufficienza cardiaca incidente.

EMPA-HEART è uno studio di follow-up dello studio EMPA-REG OUTCOME, pubblicato nel New England Journal of Medicine nel 2015.
In quello studio su 7.020 pazienti con diabete mellito di tipo 2 e ad alto rischio cardiovascolare, l'uso di Empagliflozin è risultato associato a un minor rischio di morte per cause cardiovascolari, ospedalizzazione per insufficienza cardiaca e morte per qualsiasi causa.

In EMPA-HEART, un totale di 97 pazienti con una storia di diabete di tipo 2 e malattia coronarica stabilita ( precedente rivascolarizzazione coronarica o storia di infarto miocardico ), sono stati assegnati in modo casuale al trattamento con Empagliflozin o placebo, ed è stata valutata la struttura e la funzione cardiaca mediante risonanza magnetica dopo 6 mesi di trattamento.
Più del 90% dei pazienti aveva alti valori pressori, ma i tassi di insufficienza cardiaca congestizia erano relativamente bassi.

A 6 mesi, vi è stata una significativa riduzione della massa ventricolare sinistra indicizzata per la superficie corporea tra i pazienti trattati con Empagliflozin.
Inoltre, vi è stata una significativa riduzione della pressione arteriosa ambulatoriale e un aumento dei livelli di ematocrito rispetto ai pazienti trattati con placebo.
Non ci sono stati cambiamenti significativi nei livelli del frammento N-terminale del propeptide natriuretico di tipo B o dei livelli di troponina.

In una analisi prespecificata di sottogruppi è stato osservato un rimodellamento marcatamente maggiore tra i pazienti con indice di massa ventricolare sinistra superiore al basale ( maggiore a 60 g/m2 ).

Riguardo alle variazioni dell'endpoint secondario ( livelli di pressione sistolica e di ematocrito ), Empagliflozin ha influito favorevolmente sul preload cardiaco e sul post-carico, il che spiegherebbe la riduzione della massa ventricolare sinistra. ( Xagena2018 )

Fonte: American Heart Association ( AHA ) Scientific Sessions, 2018

Cardio2018 Endo2018 Farma2018


Indietro