Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
XagenaNewsletter

Esiti a 5 anni della sostituzione transcatetere o chirurgica della valvola aortica


Esistono pochi dati sugli esiti clinici a lungo termine e sulla funzione della valvola bioprotesica dopo la sostituzione transcatetere della valvola aortica ( TAVR ) rispetto alla sostituzione chirurgica della valvola aortica nei pazienti con stenosi aortica grave e rischio chirurgico intermedio.

Sono stati arruolati 2.032 pazienti a rischio intermedio con stenosi aortica grave e sintomatica in 57 Centri.
I pazienti sono stati stratificati in base all'accesso transfemorale o transtoracico previsto ( rispettivamente 76.3% e 23.7% ) e sono stati assegnati in modo casuale a sottoporsi a sostituzione valvolare aortica per via transcatetere per via chirurgica.

Gli esiti clinici, ecocardiografici e dello stato di salute sono stati seguiti per 5 anni. L'endpoint primario era la morte per qualsiasi causa o ictus invalidante.

A 5 anni, non è stata riscontrata alcuna differenza significativa nell'incidenza di mortalità per qualsiasi causa o ictus disabilitante tra il gruppo TAVR e il gruppo chirurgico ( rispettivamente 47.9% e 43.4%; hazard ratio, HR=1.09; P=0.21 ).

I risultati sono stati simili per la coorte ad accesso transfemorale ( 44.5% e 42.0%, rispettivamente; HR=1.02 ), ma l'incidenza di morte o ictus disabilitante è stata maggiore dopo TAVR rispetto a intervento chirurgico nella coorte di accesso transtoracico ( 59.3% vs 48.3%; HR=1.32 ).

A 5 anni, un numero maggiore di pazienti nel gruppo TAVR rispetto al gruppo chirurgico ha presentato almeno un lieve rigurgito aortico paravalvolare ( 33.3% vs 6.3% ).
I ricoveri ripetuti sono stati più frequenti dopo TAVR che dopo intervento chirurgico ( 33.3% vs 25.2% ), così come i reinterventi alla valvola aortica ( 3.2% vs 0.8% ).
Il miglioramento dello stato di salute a 5 anni è stato simile per TAVR e chirurgia.

Tra i pazienti con stenosi aortica a rischio chirurgico intermedio non vi è stata alcuna differenza significativa nell'incidenza di morte o ictus disabilitante a 5 anni dopo sostituzione della valvola aortica per via transcatetere versus via chirurgica. ( Xagena2020 )

Makkar RR et al, N Engl J Med 2020; 382: 799-809

Cardio2020 Chiru2020



Indietro