Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Farmacoterapie per smettere di fumare: Vareniclina non correlata al ricovero cardiovascolare, neuropsichiatrico


Da uno studio retrospettivo di coorte è emerso che la Vareniclina ( Champix ) non è risultata associata a un aumentato rischio di ricovero per cause cardiovascolari o neuropsichiatriche rispetto alle terapie sostitutive a base di Nicotina.

Usando il database di ricerca Truven Health MarketScan per il periodo 2006-2016, sono stati valutati 618.497 adulti con una prescrizione per una farmacoterapia per smettere di fumare.

L'endpoint primario era rappresentato da un composito di eventi cardiovascolari con necessità di ospedalizzazione, incluso qualsiasi ricovero in ospedale correlato a cardiopatia ischemica, insufficienza cardiaca, infarto cerebrale, malattia vascolare periferica, angina instabile o una procedura correlata alla rivascolarizzazione coronarica.
Gli endpoint secondari comprendevano un composito di eventi neuropsichiatrici ospedalizzati, tra cui depressione, schizofrenia, ansia, disturbo bipolare, tentativo di suicidio, disturbo traumatico da stress, altre psicosi e disturbi mentali indotti da farmaci e singoli componenti dell'endpoint primario.

Le coorti dello studio finale includevano 454.698 utilizzatori di Vareniclina, 131.562 utilizzatori di Bupropione e 32.237 utilizzatori di terapia sostitutiva nicotinica ( NRT ).

I risultati hanno mostrato che, rispetto alla terapia sostitutiva a base di Nicotina, la Vareniclina era associata a un rischio cardiovascolare a 1 anno inferiore del 20% ( RR aggiustato [ aRR ] = 0.8; IC 95%, 0.75-0.85 ) e il Bupropione a un rischio cardiovascolare a 1 anno inferiore del 25% ( aRR = 0.75; IC 95%, 0.69-0.81 ).
Per i ricoveri neuropsichiatrici, la Vareniclina è risultata associata a un rischio a 1 anno inferiore del 35% ( aRR = 0.65; IC 95%, 0.59-0.72 ) e il Bupropione a un aumento del 21% del rischio a 1 anno ( aRR = 1.21; IC 95%, 1.09-1.35 ) verso terapia di sostituzione a base di Nicotina.

Il Bupropione era associato a rischi relativi a 1 anno più bassi di ricovero per malattia vascolare periferica ( aRR = 0.65; IC 95%, 0.57-0.74 ), infarto cerebrale ( aRR = 0.78; IC 95%, 0.64-0.96 ), cardiopatia ischemica ( aRR = 0.79; IC 95%, 0.69-0.91 ) e insufficienza cardiaca ( aRR = 0.84; IC 95%, 0.74-0.96 ) rispetto alla terapia sostitutiva con Nicotina.
La Vareniclina è risultata associata a una riduzione del rischio relativo a 1 anno di ospedalizzazione per infarto cerebrale ( aRR = 0.71; IC 95%, 0.6-0.84 ), ospedalizzazione per insufficienza cardiaca ( aRR = 0.72; IC 95%, 0.65-0.81 ) e ospedalizzazione per malattia vascolare periferica ( aRR = 0.83; IC 95%, 0.75-0.92 ) rispetto alla terapia sostitutiva con Nicotina. ( Xagena2020 )

Fonte: Addiction, 2020

Cardio2020 Psyche2020 Farma2020


Indietro