Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Gli antagonisti dell'aldosterone riducono il rischio di mortalità nei pazienti con infarto STEMI


Uno studio ha mostrato che la terapia con antagonisti dell'aldosterone offre un sostanziale beneficio di mortalità nei pazienti con infarto del miocardio con sopraslivellamento del tratto ST ( STEMI ) e con frazione di eiezione ventricolare sinistra superiore al 40% o senza insufficienza cardiaca.

Il trattamento con antagonisti dell'aldosterone viene raccomandato e ha dimostrato di avere effetti benefici nei pazienti con infarto miocardico STEMI e frazione di eiezione ventricolare sinistra inferiore al 40%.
Tuttavia, il ruolo degli antagonisti dell'aldosterone nei pazienti con frazione di eiezione superiore al 40% o senza insufficienza cardiaca congestizia non era ben definito.

Per affrontare questa lacuna di conoscenza, è stata effettuata una revisione sistematica e una meta-analisi di 10 studi clinici randomizzati.

Gli studi avevano valutato gli antagonisti dell'aldosterone in 4.147 pazienti con infarto STEMI e con frazione di eiezione ventricolare sinistra superiore al 40% o infarto STEMI senza insufficienza cardiaca clinica.
Al follow-up, sono stati valutati diversi esiti, tra cui mortalità, nuova insufficienza cardiaca congestizia, infarto miocardico ricorrente, aritmia ventricolare, nonché cambiamenti nella frazione di eiezione ventricolare sinistra, nel livello di potassio sierico e nel livello di creatinina.

I dati hanno mostrato che il trattamento con antagonisti dell'aldosterone ha ridotto il rischio di mortalità ( 2.4% vs 3.9%; OR=0.62; IC 95%, 0.42-0.91 ) tra i pazienti con infarto STEMI senza insufficienza cardiaca rispetto ai controlli.
Tuttavia, i pazienti che ricevevano antagonisti di aldosterone e i controlli hanno dimostrato rischi simili di infarto miocardico ( 1.6% vs 1.5%; OR=1.03; IC 95%, 0.57-1.86 ), nuova insufficienza cardiaca congestizia ( 4.3% vs. 5.4%; OR=0.82; IC 95%, 0.56-1.2 ) e aritmia ventricolare ( 4.1% vs 5.1%; OR=0.76; IC 95%, 0.45-1.31 ).

Rispetto ai controlli, gli antagonisti dell'aldosterone hanno aumentato la frazione di eiezione ventricolare sinistra leggermente ma significativamente ( differenza media = 1.58%, IC 95%, 0.18-2.97 ).
Inoltre, il trattamento con antagonisti dell'aldosterone ha leggermente aumentato i livelli sierici di potassio ( differenza media = 0.07 mEq/L, IC 95%, 0.01-0.13 ), ma non ha modificato i livelli sierici di creatinina ( differenza media standardizzata = 1.4; IC 95%, da -0.43 a 3.24 ).

Dallo studio è emerso che gli antagonisti dell'aldosterone sono associati a un beneficio di mortalità nei pazienti con infarto miocardico con sopraslivellamento ST e con frazione di eiezione ventricolare sinistra superiore al 40% o senza insufficienza cardiaca.
I futuri studi randomizzati dovrebbero confermare questi risultati. ( Xagena2018 )

Fonte: JAMA Internal Medicine, 2018

Cardio2018 Farma2018


Indietro