52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

I beta-bloccanti sono sicuri nella fase iniziale della gravidanza


Una ricerca ha dimostrato che l'uso di beta-bloccanti nel primo trimestre di gravidanza non è associato a un rischio significativo di gravi malformazioni congenite.

L'ipertensione cronica è sempre più diffusa in gravidanza, probabilmente a causa della maggiore prevalenza dell'obesità nelle donne in età riproduttiva e all'aumentare dell'età materna al momento della gravidanza.
Poiché i farmaci antipertensivi sono impiegati frequentemente all'inizio della gravidanza, capire se i beta-bloccanti aumentano il rischio di malformazioni congenite rappresenta una priorità di ricerca.

E' stato condotto uno studio di coorte per determinare l'associazione tra esposizione nel primo trimestre ai beta-bloccanti e il rischio di gravi malformazioni congenite, comprese malformazioni cardiache, labio-palatoschisi e malformazioni del sistema nervoso centrale.

Sono state esaminate le cartelle cliniche di 3.6 milioni di gravidanze dal database Medicaid degli Stati Uniti ( coorte degli Stati Uniti ) e dai Registri sanitari di Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia e Svezia ( coorte nordica ) per l'esposizione nel primo trimestre ai beta-bloccanti e per le principali malformazioni congenite.

Sono state identificate 14.900 donne con gravidanze caratterizzate da ipertensione nella coorte degli Stati Uniti e 3.577 nella coorte nordica.
Nel primo trimestre, l'11.2% delle donne in gravidanza con diagnosi di ipertensione dalla coorte degli Stati Uniti è stata esposta ai beta-bloccanti, così come il 19.1% della coorte nordica.

Complessivamente, l'esposizione ai beta-bloccanti nel primo trimestre era associata all'assenza di rischio per qualsiasi malformazione maggiore ( RR=1.07, IC 95%, 0.89-1.3, differenza di rischio per 1.000 persone esposte [ RD ] = 3, IC 95%, 6.6-12.6 ), e a un lieve aumento del rischio di qualsiasi malformazione cardiaca ( RR = 1.12, IC 95%, 0.83-1.51; RD = 2.1; IC 95%; -4.3-8.4 ); labio o palatoschisi ( RR = 1.97; IC 95%, 0.74-5.25 RD = 1, IC 95%, da -0.9 a 3 ) e malformazioni del sistema nervoso centrale ( RR = 1.37, IC 95%, 0.58-3.25, RD = 1, IC 95%, 2-4 ).

Lo studio non può escludere un aumento del rischio per i tipi di malformazioni meno comuni, labbro leporino o del palato e malformazioni del sistema nervoso centrale.
Tuttavia, le stime dell'analisi hanno indicato un aumento più modesto del rischio per queste malformazioni rispetto a quanto riferito da precedenti pubblicazioni.
I potenziali rischi per il feto devono essere bilanciati con i rischi per la madre associati all'ipertensione non-trattata.

Dallo studio è emerso che i beta-bloccanti dovrebbero essere impiegati in gravidanza quando indicati per il trattamento di varie condizioni mediche materne, e il Labetalolo dovrebbe essere una scelta di trattamento di prima linea per l'ipertensione cronica. ( Xagena2018 )

Fonte: Annals of Internal Medicine, 2018

Cardio2018 Gyne2018 Pedia2018 Farma2018


Indietro