Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Xagena Mappa

Il trattamento con statine correlato a una modesta associazione negativa con la mortalità da COVID-19


È stata discussa la relazione tra il trattamento con statine ( inibitori della HMG-CoA reduttasi ) e la mortalità della malattia da Coronavirus 2019 ( COVID-19 ) a causa degli effetti pleiotropici delle statine sulla coagulazione e sui meccanismi immunitari.
Tuttavia, gli studi osservazionali disponibili sono ostacolati da difetti di progettazione dello studio, con conseguente sostanziale eterogeneità e ambiguità.

Lo scopo di uno studio è stato quello di determinare la relazione tra il trattamento con statine e la mortalità da COVID-19.

Lo studio di coorte ha incluso tutti i residenti di Stoccolma di età pari o superiore a 45 anni ( N = 963.876 ), seguiti dal 1 marzo 2020 fino all'11 novembre 2020.
L'esposizione era rappresentata dal trattamento con statine iniziato prima della pandemia di COVID-19, definita come dispensazione di statine come riportato dal Registro svedese dei farmaci prescritti tra il 1 marzo 2019 e il 29 febbraio 2020.
La mortalità specifica per COVID-19 è stata accertata dal Registro svedese delle cause di morte.

Nella coorte ( 51.6% donne ), 169.642 individui ( 17.6% ) facevano uso di statine. Gli utilizzatori di statine erano più anziani ( 71.0 versus 58.0 anni ), avevano una maggiore probabilità di essere maschi ( 53.3% versus 46.7% ), diagnosticati più spesso con comorbilità ( ad esempio, cardiopatia ischemica 23.3% vs 1.6% ), trattati più frequentemente con anticoagulanti e antipertensivi, presentavano una minore probabilità di avere un'istruzione di livello universitario ( 34.5% vs 45.4% ), e più probabilità di avere un basso reddito disponibile ( 20.6% vs 25.2% ), ma meno probabilità di risiedere in abitazioni affollate ( 6.1% vs 10.3% ).

Un totale di 2.545 persone sono morte a causa del COVID-19 durante il follow-up, inclusi 765 ( 0.5% ) utilizzatori di statine e 1.780 ( 0.2% ) non-utilizzatori.

Il trattamento con statine è risultato associato a una riduzione della mortalità per COVID-19 ( HR aggiustato, 0.88; IC 95%, da 0.79 a 0.97, P = 0.01 ) e questa associazione non variava in modo apprezzabile tra i gruppi di età, sessi o gruppi a rischio di COVID-19.

Il rapporto di rischio aggiustato per i fattori confondenti per gli iniziatori del trattamento con statine è stato pari a 0.78 ( IC 95%, 0.59-1.05, P = 0.10 ) nello studio target emulato.

I limiti dello studio sono rappresentati dal disegno osservazionale, dalla dipendenza dai dati di dispensazione e dall'incapacità di studiare regimi farmacologici specifici.

In conclusione, il trattamento con statine ha mostrato una modesta associazione negativa con la mortalità da COVID-19.
Sebbene questa scoperta richieda conferma da studi clinici randomizzati, supporta l'uso continuato del trattamento con statine per la prevenzione medica secondo le attuali raccomandazioni anche durante la pandemia di COVID-19. ( Xagena2021 )

Bergqvist R et al, PLoS Medicine 2021; doi.org/10.1371/journal.pmed.1003820

Cardio2021 Endo2021 Inf2021 Farma2021


Indietro