Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Inibitori SGLT2 nei pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta: meta-analisi degli studi EMPEROR-Reduced e DAPA-HF


Entrambi gli studi DAPA-HF sulla valutazione di Dapagliflozin ( Forxiga ) ed EMPEROR-Reduced sulla valutazione di Empagliflozin ( Jardiance ), hanno dimostrato che l'inibizione del co-trasportatore sodio-glucosio 2 ( SGLT2 ) ha ridotto il rischio combinato di morte cardiovascolare o ospedalizzazione per insufficienza cardiaca nei pazienti con insufficienza cardiaca con ridotta frazione di eiezione ( HFrEF ) con o senza diabete.

Tuttavia, nessuno dei due studi è stato concepito per valutare gli effetti sulla morte cardiovascolare o per tutte le cause o per caratterizzare gli effetti in sottogruppi clinicamente importanti.

Utilizzando dati pubblicati da DAPA-HF e da EMPEROR-Reduced, è stato stimato l'effetto dell'inibizione di SGLT2 sugli eventi di insufficienza cardiaca fatali e non-fatali e sugli esiti renali in tutti i pazienti con insufficienza HFrEF assegnati in modo casuale e in sottogruppi rilevanti degli studi DAPA-HF e EMPEROR-Reduced.

È stata condotta una meta-analisi prespecificata dei due singoli studi su larga scala DAPA-HF sulla valutazione di Dapagliflozin e EMPEROR-Reduced sulla valutazione di Empagliflozin, per valutare gli effetti degli inibitori SGLT2 sugli esiti cardiovascolari in pazienti con insufficienza HFrEF con o senza diabete.

L'endpoint primario era il tempo alla morte per tutte le cause. Inoltre, sono stati valutati gli effetti del trattamento in sottogruppi prespecificati sul rischio combinato di morte cardiovascolare o ospedalizzazione per insufficienza cardiaca.

Questi sottogruppi erano basati su stato del diabete di tipo 2, età, sesso, trattamento con inibitori del recettore dell'angiotensina e della neprilisina ( ARNI ), classe funzionale NYHA, etnia, storia di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca, velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ), indice di massa corporea ( BMI ), e regione ( post-hoc ).

Tra 8.474 pazienti combinati da entrambi gli studi, l'effetto del trattamento stimato era una riduzione del 13% della morte per tutte le cause ( hazard ratio, HR aggregato 0.87; P=0.018 ) e una riduzione del 14% della morte cardiovascolare ( 0.086; P=0.027 ).

L'inibizione di SGLT2 è stata accompagnata da una riduzione relativa del 26% del rischio combinato di morte cardiovascolare o di primo ricovero per insufficienza cardiaca ( 0.74; P minore di 0.0001 ) e da una riduzione del 25% del composito di ricoveri ricorrenti per insufficienza cardiaca o morte cardiovascolare ( 0.75; P minore di 0.0001 ).

Anche il rischio dell'endpoint renale composito si è ridotto ( 0.62; P=0.013 ).
Tutti i test per l'eterogeneità della dimensione dell'effetto tra gli studi non sono stati significativi.

Gli effetti combinati del trattamento hanno mostrato benefici consistenti per i sottogruppi basati su età, sesso, diabete, trattamento con un ARNI e eGFR basale, ma hanno suggerito interazioni del trattamento in base al sottogruppo per sottogruppi basati sulla classe funzionale NYHA e sull’etnia.

Gli effetti di Empagliflozin e Dapagliflozin sui ricoveri per insufficienza cardiaca sono stati costanti nei due studi indipendenti e suggeriscono che questi agenti migliorano anche gli esiti renali e riducono la morte per tutte le cause e la morte cardiovascolare nei pazienti con insufficienza renale con ridotta frazione di eiezione. ( Xagena2020 )

Zannad F et al, Lancet 2020; 396: 819-829

Endo2020 Cardio2020 Farma2020


Indietro