Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Xagena Mappa

Intervento coronarico percutaneo completo o solo della lesione colpevole nei pazienti anziani con infarto miocardico


Il beneficio della rivascolarizzazione completa nei pazienti più anziani ( 75 anni di età e oltre ) con infarto miocardico e malattia multivasale rimane non ben definito.

In questo studio multicentrico e randomizzato, sono stati assegnati i pazienti più anziani con infarto miocardico e malattia multivasale sottoposti a intervento coronarico percutaneo ( PCI ) della lesione colpevole a ricevere una rivascolarizzazione completa guidata dalla fisiologia delle lesioni non-colpevoli o a non-ricevere alcuna ulteriore rivascolarizzazione.

Lesioni non-colpevoli funzionalmente significative sono state identificate mediante sonda pressure wire o angiografia.

L'esito primario era un composito di morte, infarto miocardico, ictus o qualsiasi rivascolarizzazione a 1 anno.
L’esito secondario chiave era un composito di morte cardiovascolare o infarto miocardico.
La sicurezza è stata valutata come un insieme di danno renale acuto, ictus o sanguinamento associato al mezzo di contrasto.

In totale 1.445 pazienti sono stati sottoposti a randomizzazione ( 720 a ricevere la rivascolarizzazione completa e 725 a ricevere la rivascolarizzazione della lesione colpevole ).

L'età media dei pazienti era di 80 anni; 528 pazienti ( 36.5% ) erano donne e 509 ( 35.2% ) sono stati ricoverati per infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST.

Un evento di esito primario si è verificato in 113 pazienti ( 15.7% ) nel gruppo con rivascolarizzazione completa e in 152 pazienti ( 21.0% ) nel gruppo con rivascolarizzazione della sola lesione colpevole ( hazard ratio, HR=0.73; P=0.01 ).

Morte cardiovascolare o infarto miocardico si sono verificati in 64 pazienti ( 8.9% ) nel gruppo di rivascolarizzazione completa e in 98 pazienti ( 13.5% ) nel gruppo di rivascolarizzazione della sola lesione colpevole ( HR=0.64 ).

L’esito di sicurezza non è sembrato differire tra i gruppi ( 22.5% vs 20.4%; P=0.37 ).

Tra i pazienti di età pari o superiore a 75 anni con infarto miocardico e malattia multivasale, quelli sottoposti a rivascolarizzazione completa guidata dalla fisiologia hanno mostrato un rischio composito inferiore di morte, infarto miocardico, ictus o rivascolarizzazione guidata da ischemia a 1 anno rispetto a quelli che hanno ricevuto intervento coronarico percutaneo solo per la lesione colpevole. ( Xagena2023 )

Biscaglia S et al, N Engl J Med 2023; 389: 889-898

Cardio2023



Indietro