Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Xagena Mappa

La depressione è correlata a un aumentato rischio di scompenso cardiaco, morte per cardiomiopatia ipertrofica


La diagnosi di depressione è fortemente associata a un aumentato rischio di morte cardiaca improvvisa ed eventi di scompenso cardiaco nei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica ( HCM ).

Sono stati analizzati 856 pazienti ospedalizzati in Cina di almeno 18 anni con cardiomiopatia ipertrofica; il 23.4% di questi era stata diagnosticata la depressione.

La diagnosi di depressione è fortemente associata a un aumento del rischio di morte cardiaca improvvisa ed eventi di scompenso cardiaco nei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica.

Durante una media di 4.2 anni di follow-up, 75 partecipanti hanno presentato un evento di morte cardiaca improvvisa ( SCD ) ( 21.8 per 1.000 anni-persona ) e 149 hanno sviluppato scompenso cardiaco correlato alla cardiomiopatia ipertrofica ( 43.3 per 1.000 anni-persona ).

In un modello di regressione univariata, la depressione era collegata a un aumento del rischio di eventi di morte cardiaca improvvisa ( hazard ratio, HR = 2.1; IC 95%, 1.8-2.4; P inferiore a 0.001 ) e scompenso cardiaco correlato a cardiomiopatia ipertrofica ( HR = 2; IC 95%, 1.6-2.3; P inferiore a 0.001 ).

La depressione è risultata essere un predittore indipendente di eventi di morte cardiaca improvvisa e scompenso cardiaco correlato a cardiomiopatia ipertrofica ( HR per morte SCD = 1.9; IC 95%, 1.6-2.3; P inferiore a 0.001; HR per morte SCD correlata a cardiomiopatia HCM = 1.8; IC 95%, 1.6-2.1; P inferiore a 0.001 ).

Quando l'analisi è stata limitata a eventi di morte cardiaca improvvisa diversi dalla scarica del defibrillatore cardioverter impiantabile, il rischio di eventi di morte cardiaca improvvisa è rimasto elevato nei pazienti con depressione ( HR = 1.5; IC 95%, 1.2-1.9; P inferiore a 0.001 ).

Inoltre, sono stati riscontrati eventi clinici elevati nei pazienti con depressione rispetto a quelli senza: morte improvvisa ( 109 versus 38 per 1.000 anni-persona; HR = 3.3; IC 95%, 1.8-5.9 ); arresto abortito ( 15 vs 6 per 1.000 anni-persona; HR = 2.4; IC 95%, 1.3-4.8 ); scariche ICD ( 47 vs 22 per 1.000 anni-persona; HR = 2.2; IC 95%, 1.2-4.7 ); decessi per scompenso cardiaco ( 26 vs 16 per 1.000 anni-persona; HR = 1.7; IC 95%, 1-3.3 ); ricoveri per scompenso cardiaco ( 47 vs 30 per 1.000 anni-persona; HR = 1.7; IC 95%, 1.2-3.5 ); e sintomi di scompenso cardiaco progredito alla classe NYHA III/IV ( 198 vs 81 per 1.000 anni-persona; HR = 2.5; IC 95%, 1.9-4.4 ).

Ulteriori studi dovrebbero essere incoraggiati per verificare se l'intervento psicologico per la depressione può migliorare i risultati clinici in questa popolazione. ( Xagena2021 )

Fonte: Journal of American Heart Association, 2021

Psyche2021 Cardio2021



Indietro