Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
XagenaNewsletter

La Liraglutide non migliora gli esiti nei pazienti con insufficienza cardiaca in fase avanzata


Tra i pazienti recentemente ospedalizzati con insufficienza cardiaca e ridotta frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ), l'uso del farmaco Liraglutide ( Victoza ) non ha prodotto una maggiore stabilità clinica post-ospedalizzazione.

L'insufficienza cardiaca è la principale causa di ricovero negli Stati Uniti con più di 4 milioni di ospedalizzazioni all'anno dal 2003-2009.
Un anormale metabolismo cardiaco contribuisce alla patofisiologia dell'insufficienza cardiaca avanzata con ridotta FEVS.
Una classe di farmaci ipoglicemizzanti, gli agonisti di GLP-1, hanno mostrato effetti cardioprotettivi in studi clinici con pazienti affetti da insufficienza cardiaca avanzata.

Ricercatori dell’University of Pennsylvania, Filadelfia ( Stati Uniti ), e colleghi hanno assegnato in modo casuale i pazienti con insufficienza cardiaca e ridotta FEVS che erano stati recentemente ricoverati in ospedale all’agonista di GLP-1 Liraglutide ( n=154 ) oppure a placebo ( n=146 ), mediante iniezione sottocutanea giornaliera.
La Liraglutide è stata somministrata a un dosaggio di 1.8 mg/die durante i primi 30 giorni, e a un dosaggio tollerato fino a 180 giorni.

L'end point primario dello studio era rappresentato da un punteggio, in cui tutti i pazienti, indipendentemente dal trattamento assegnato, erano classificati secondo 3 livelli gerarchici: tempo al decesso, tempo alla riospedalizzazione per scompenso cardiaco, e variazione proporzionale dei livelli di NT-proBNP dall’arruolamento a 180 giorni. I valori più alti erano indice di migliore salute ( stabilità ).

Tra i 300 pazienti che sono stati randomizzati, 271 hanno completato lo studio.

Rispetto al placebo, la Liraglutide non ha prodotto alcun effetto significativo sull’endpoint primario.
Non ci sono state differenze significative tra i gruppi nel numero di decessi ( 12% nel gruppo Liraglutide vs 11% nel gruppo placebo ) o nei ricoveri successivi per insufficienza cardiaca ( 41% vs 34% ) o negli endpoint secondari esplorativi ( componenti dell’endpoint primario, struttura e funzione cardiaca, distanza percorsa in 6 minuti, qualità di vita, ed eventi combinati ).

Le analisi del sottogruppo pre-specificato nei pazienti con diabete mellito non hanno evidenziato differenze significative tra i gruppi.

In conclusione, l’agonista di GLP-1 Liraglutide non ha migliorato la stabilità clinica post-ospedalizzazione nei pazienti con insufficienza cardiaca avanzata e ridotta frazione di eiezione del ventricolo sinistro, nonostante studi precedenti avessero indicato che la terapia con agonisti di GLP-1 potesse migliorare i meccanismi di resistenza insulinica a livello miocardico nei pazienti con gravi cardiomiopatie.
Pertanto, i risultati dello studio non forniscono supporto all'uso della Liraglutide in questa situazione clinica. ( Xagena2016 )

Fonte: JAMA, 2016

Endo2016 Cardio2016 Farma2016


Indietro