Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa

La riduzione del sodio, l'aumento dell'assunzione di potassio può ridurre il rischio cardiovascolare


Una maggiore assunzione di sodio, misurata in più campioni di urina delle 24 ore, è stata associata a un maggior rischio di malattia cardiovascolare in modo dose-risposta.
Inoltre, anche una minore assunzione di potassio, e un rapporto sodio-potassio più elevato erano associati a un rischio maggiore.

Lo studio ha offerto nuove informazioni sulle attuali sfide metodologiche nella valutazione del sodio.
Una singola misurazione non è sufficiente per riflettere l'assunzione abituale di sodio di una persona a causa delle grandi variazioni giornaliere nel consumo e nell'escrezione di sodio.

Precedenti studi osservazionali avevano valutato l'assunzione di sodio utilizzando metodi che sono soggetti a errori di misurazione, inclusi campioni di urina spot o singoli campioni di 24 ore su 24 che possono essere inaffidabili per stimare l'assunzione abituale di sodio di un individuo.
Queste limitazioni metodologiche hanno portato a confusione sul fatto che la riduzione degli attuali livelli di sodio nella dieta aumenti il ​​rischio di malattie cardiovascolari.

Nel presente studio, i ricercatori hanno analizzato i dati individuali sull'escrezione di sodio e potassio da 10.709 individui generalmente sani ( età media, 51.5 anni; 54% donne ) con più campioni di urina delle 24 ore da sei potenziali coorti.
L'escrezione mediana di sodio nelle 24 ore in circa 38.000 campioni di urina è stata di 3.270 mg. L'assunzione giornaliera stimata di sodio era di 3.516 mg, e di potassio era di 3.292 mg.

In un follow-up mediano di quasi 9 anni, negli studi di coorte si sono verificati 571 eventi cardiovascolari incidenti ( tasso di incidenza, 5.9 per 1.000 anni-persona ).
Gli eventi incidenti includevano 445 eventi di cardiopatia ( 232 infarti miocardici, 213 rivascolarizzazioni coronariche ), 136 eventi di ictus e 12 ulteriori decessi correlati a cause cardiovascolari.

Una maggiore escrezione urinaria di sodio nelle 24 ore era associata a un rischio elevato di malattia cardiovascolare dopo aggiustamento per potenziali fattori di confondimento.
L'hazard ratio ( HR ) per il più alto quartile ( mediana, 4.692 mg ) rispetto al quartile più basso ( mediana, 2.212 mg ) del biomarcatore urinario è stato pari a 1.6 ( IC 95%, 1.19-2.14 ).

Il rischio di cardiopatia aumenta gradualmente con una maggiore escrezione di sodio, mostrando una chiara associazione dose-risposta.

Una maggiore escrezione urinaria di potassio nelle 24 ore era associata a un rischio inferiore di malattia cardiovascolare ( hazard ratio aggiustato, aHR per il quartile più alto [ mediana, 3.501 mg ] rispetto al quartile più basso [ mediana, 1.755 mg ] = 0.69; IC 95%, 0.51-0.91 ).

Ogni aumento giornaliero di 1.000 mg nell'escrezione di sodio era associato a un aumento del 18% del rischio di malattie cardiovascolari, mentre ogni aumento giornaliero di 1.000 mg nella secrezione di potassio era associato a una diminuzione del rischio del 18%.
Inoltre, ogni aumento unitario del rapporto sodio-potassio era associato a un aumento del 24% del rischio di malattie cardiovascolari.

Le associazioni sono rimaste coerenti nelle analisi dei sottogruppi basate su età, sesso, peso, stato di ipertensione e durata del follow-up.

Dallo studio è emerso che la riduzione del sodio e l'aumento dell'assunzione di potassio dai livelli attuali nella maggior parte delle popolazioni per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari.

Fonte: American Heart Association ( AHA ) Scientific Sessions, 2021

Cardio2021



Indietro