Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
XagenaNewsletter

L’associazione Acido Acetilsalicilico con rivestimento enterico e Omeprazolo riduce le ulcere gastrointestinali nei pazienti con patologie cardiache


L'incidenza di ulcere gastriche è risultato ridotto di oltre la metà tra gli individui che hanno assunto un inibitore della pompa protonica ( PPI ) assieme all’Acido Acetilsalicilico per la prevenzione secondaria della malattia cardiaca.

In uno studio su oltre 1.000 pazienti, dopo 1 mese di trattamento con PA32540, lo 0.8% dei pazienti ha sviluppato ulcere gastriche rispetto al 3.4% dei pazienti trattati con il solo Acido Acetilsalicilico con rivestimento enterico ( P=0.003 ).

PA32540 è una combinazione di un inibitore della pompa protonica, Omeprazolo, e l’Acido Acetilsalicilico con rivestimento enterico.

A 3 mesi, l’1.7% dei 521 pazienti randomizzati al trattamento con PA32540 ha sviluppato ulcere rilevate mediante endoscopia, rispetto al 6.7% dei pazienti trattati con il solo Acido Acetilsalicilico con rivestimento enterico ( p inferiore a 0.001 ).

A 6 mesi, il 3.2% dei pazienti trattati con il composto aveva sviluppato ulcere rispetto al 8.6% dei 524 pazienti trattati con il solo Acido Acetilsalicilico con rivestimento enterico ( p inferiore a 0.001 ).

le lineeguida di AHA ( American Heart Association ) raccomandano che i pazienti con malattia cardiovascolare assumano, ogni giorno, basse dosi di Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) per ridurre il rischio di futuri eventi cardiovascolari, ma la terapia con Acido Acetilsalicilico è associata a sanguinamento gastrointestinale.
Tuttavia, la sospensione dell’assunzione di Acido Acetilsalicilico a causa di effetti collaterali gastrointestinali può mettere i pazienti a rischio di eventi cardiovascolari.
Gli inibitori della pompa protonica possono ridurre in modo significativo le ulcere gastriche da Aspirina e i sintomi gastrointestinali associati.

Sono stati aggregati i risultati di due studi clinici condotti nel periodo 2009-2012 e che avevano coinvolto 1.045 pazienti.
I pazienti sono stati randomizzati a ricevere una volta al giorno compresse della combinazione ( 40 mg di Omeprazolo e 325 mg di Acido Acetilsalicilico ) o il solo Acido Acetilsalicilico con rivestimento enterico, una volta al giorno ( 325 mg ).

Nel braccio di trattamento, l'età media dei pazienti era di 66 anni, e il 72% erano uomini; circa il 90% era di razza bianca.
Oltre il 68% dei pazienti presentava una malattia coronarica, e poco più del 40% aveva avuto un infarto del miocardio.

L'interruzione a causa di eventi del tratto gastrointestinale superiore si è verificata nel 1.5% dei pazienti trattati con PA32540 e nel 8.2% dei pazienti nel gruppo solo Acido Acetilsalicilico ( p inferiore a 0.001 ).
Le interruzioni a causa di qualsiasi evento avverso grave si sono verificate nel 6.7% dei pazienti trattati con la combinazione e nel 11.2% di quelli trattati con io solo Acido Acetilsalicilico ( p inferiore a 0.05 ).

Eventi avversi cardiaci maggiori ( MACE ) si sono presentati nel 2.1% di tutti i pazienti. Ci sono stati 5 casi di infarto miocardico non-fatale nel braccio farmaco in sperimentazione verso 3 nel braccio solo Acido Acetilsalicilico ( 0.96% versus 0.57% ).
Quattro pazienti nel braccio Acido Acetilsalicilico hanno subito un attacco ischemico transitorio ( TIA ) rispetto a 1 paziente nel braccio Omeprazolo più Acido Acetilsalicilico ( 0.19% vs 0.76% ). ( Xagena2012 )

Fonte: American Heart Association ( AHA ) Meeting, 2012


Cardio2012 Gastro2012 Farma2012


Indietro