52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
XagenaNewsletter

L'Azitromicina associata a un rischio di mortalità cardiovascolare a 5 giorni più elevato rispetto all'Amoxicillina


L'uso ambulatoriale dell'antibiotico Azitromicina è risultato associato a un rischio maggiore a 5 giorni di mortalità cardiovascolare, mortalità non-cardiovascolare e mortalità per qualsiasi causa rispetto all'Amoxicillina.

I pazienti a cui era stata prescritta l'Azitromicina avevano più probabilità ad aver avuto prescrizione di farmaci cardioprotettivi o di soffrire di polmonite, broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ) o asma nell'anno precedente la prescrizione rispetto a quelli a cui era stata prescritta l'Amoxicillina.

I ricercatori non sono stati in grado di stabilire la causalità per la relazione tra uso di Azitromicina e mortalità.

Sono stati presi in esame i pazienti ( età media, 51 anni; 62% donne ) ai quali era stata prescritta l'Azitromicina ( 22% ) o l'Amoxicillina ( 78% ), esclusi i pazienti con assenza di benefici di prescrizione; uso di più di un tipo di antibiotico entro 10 giorni; ricovero in ospedale o residenza di cura o gravi condizioni mediche.

Nel complesso, l'Azitromicina è risultata più frequentemente prescritta per le infezioni polmonari mentre l'Amoxicillina era più frequentemente prescritta per le infezioni dell'orecchio, del naso e della gola.

Entro 5 giorni dall'esposizione, l'uso ambulatoriale di Azitromicina è risultato associato a un rischio maggiore di morte cardiovascolare ( hazard ratio, HR = 1.82; IC 95%, 1.23-2.67 ), morte non-cardiovascolare ( HR = 2.17; IC 95%, 1.44-3.26 ) e mortalità per qualsiasi causa ( HR = 2; IC al 95%, 1.51-2.63 ), ma non morte cardiaca improvvisa ( HR= 1.59; IC al 95%, 0.9-2.81 ), rispetto all'Amoxicillina.

I risultati per il rischio di morte cardiovascolare erano simili nei pazienti che presentavano un elevato rischio cardiovascolare al basale ( HR = 1.71; IC al 95%, 1.06-2.76 ).

Secondo lo studio, il rischio di morte cardiovascolare e morte cardiaca improvvisa da 6 a 10 giorni dopo l'esposizione all'Azitromicina non è risultato significativo rispetto all'esposizione all'Amoxicillina.

Questo studio di coorte ha rilevato un rischio approssimativamente doppio di morte cardiovascolare e morte non-cardiovascolare dopo l'uso ambulatoriale di Azitromicina rispetto all'uso di Amoxicillina in una finestra di 5 giorni dopo l'esposizione.
Sebbene le analisi non siano state in grado di stabilire la causalità, i medici prescrittori dovrebbero essere consapevoli di questa potenziale associazione. ( Xagena2020 )

Fonte: JAMA Network Open, 2020

Cardio2020 Inf2020 Farma2020


Indietro