52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Le cardiopatie congenite aumentano il rischio di demenza


Le persone con cardiopatia congenita sopravvissute fino all'età adulta presentavano un rischio elevato di demenza, in particolare demenza ad esordio precoce, rispetto alla popolazione generale.

Precedenti studi avevano mostrato che le persone nate con difetti cardiaci avevano un più alto rischio di problemi di sviluppo neurologico nell'infanzia come epilessia e autismo.

Lo studio condotto presso l'Aarhus University in Danimarca è il primo studio che ha esaminato l' insorgenza tardiva di demenza nel corso della vita adulta.

Sono stati analizzati i dati di 10.632 pazienti ( 46% uomini ) con cardiopatia congenita che erano vivi all'età di 30 anni.
I dati dei pazienti che erano stati diagnosticati con cardiopatia congenita tra il 1963 e il 1974 sono stati ottenuti dalla revisione dei registri medici, e quelli diagnosticati tra il 1977 e il 2012 provenivano dal Danish National Patient Registry.

Ogni paziente con cardiopatia congenita è stato abbinato a 10 pazienti della popolazione generale in base all'anno di nascita e al sesso.

L'outcome primario di interesse era la diagnosi di demenza per qualsiasi causa dopo i 30 anni di età in regime ospedaliero o ambulatoriale.
La soglia di età di 65 anni è stata utilizzata per classificare le diagnosi di demenza precoce e tardiva.

Durante il follow-up, il 4% dei partecipanti di entrambe le coorti ha avuto diagnosi di demenza all'età di 80 anni.

Rispetto alla coorte della popolazione generale, l'hazard ratio ( HR ) complessivo per la demenza negli adulti con cardiopatia congenita è stato pari a 1.61 ( IC 95%, 1.29-2.02 ).
Non sono state riscontrate differenze tra uomini ( HR=1.55, IC 95%, 1.06-2.26 ) e donne ( HR=1.65, IC 95%, 1.25-2.19 ).

I pazienti con malattia cardiaca congenita da lieve a moderata avevano un hazard ratio di 1.5 ( IC 95%, 1.14-1.97 ), mentre l'hazard ratio in quelli con cardiopatia congenita grave e univentricolare era 1.96 ( IC 95%, 1.15-3.34 ).
Quelli con cardiopatia congenita che non presentavano difetti extracardiaci avevano un hazard ratio di 1.38 ( IC 95%, 1.08-1.76 ).

L'hazard ratio per la demenza a esordio precoce era più alto ( HR=2.6; IC 95%, 1.8-3.8 ) rispetto alla demenza a esordio tardivo ( HR=1.3; IC 95%, 1-1.8 ).

Dallo studio è emerso che gli adulti con cardiopatia congenita acquisiscono morbilità cardiovascolare pù precocemente rispetto alla popolazione generale, che può avere un impatto sulla riserva cerebrale.
Queste morbilità, che comprendono la fibrillazione atriale, l'ictus, il diabete mellito, la malattia coronarica e l'insufficienza cardiaca, sono associate a un aumentato rischio di declino cognitivo e demenza. ( Xagena2018 )

Fonte: Circulation, 2018

Cardio2018 Neuro2018



Indietro