Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Le statine ad alto dosaggio aumentano il rischio di osteoporosi


Da una ricerca è emerso che l'effetto protettivo della terapia con statine sulla salute dell'osso, che era stato dimostrato in alcuni studi, può essere correlato alla dose e sebbene basse dosi siano associate a un ridotto rischio di osteoporosi, alte dosi sono state correlate a un aumentato rischio di malattia ossea.

Sono stati esaminati i dati su tutta la popolazione austriaca di età inferiore ai 90 anni, quasi 8 milioni, durante il periodo 2006-2007.
Sono stati identificati 353.502 pazienti che avevano assunto una delle sette statine, disponibili, per almeno 1 anno, tra cui Simvastatina, Lovastatina, Pravastatina, Fluvastatina, Atorvastatina, Cerivastatina e Rosuvastatina.
I pazienti erano divisi approssimativamente in modo uniforme tra maschi e femmine.

Un totale di 11.701 pazienti, tra cui 1765 maschi e 9936 femmine, avevano avuto diagnosi di osteoporosi, secondo i criteri ICD10.

Sono stati confrontati con un gruppo di controllo di circa 7.5 milioni di pazienti che non erano stati trattati con statine.
Tra questi, a 68.699 è stata diagnosticata l'osteoporosi ( 10.410 maschi e 58.289 femmine ).

Nel complesso, il trattamento con statine è risultato associato a una probabilità tre volte maggiore di avere l'osteoporosi rispetto al non-impiego di questi farmaci tra le persone di controllo ( odds ratio [ OR ], 3.62; P inferiore a 0.01 ).

La terapia con statine a basso dosaggio ( 0-10 mg/die ) era associata a un rischio inferiore di osteoporosi.

Gli effetti erano simili per i diversi farmaci, tra cui Lovastatina ( OR=0.39; P inferiore a 0.05 ), Pravastatina ( OR=0.68; P inferiore a 0.01 ), Simvastatina ( OR=0.70; P inferiore a 0.01 ) e Rosuvastatina ( OR=0.69; P inferiore a 0.01 ).

Il rischio di osteoporosi è invece risultato aumentato tra coloro che avevano assunto dosi più elevate di statine, definite come dosi superiori a 40 mg per Simvastatina ( OR=1.64; P inferiore a 0.01 ) e superiori a 20 mg per Atorvastatina ( OR=1.78; P inferiore a 0.01 ) e Rosuvastatina ( OR=2.04; P inferiore a 0.01 ), rispetto al controllo.

I ricercatori hanno preso in esame altri farmaci prescritti e le comorbilità che includevano diabete mellito e malattie tipicamente trattate con corticosteroidi che sono noti fattori di rischio per lo sviluppo di osteoporosi.

E' stato osservato che nei modelli murini e in vitro, le statine migliorano la formazione ossea, aumentando l'espressione della proteina morfogenetica dell'osso ( BMP-2 ), che è una proteina osteoprotettiva.
Nei dosaggi più bassi di statine, questo effetto osteoprotettivo di BMP-2 potrebbe spiegare i più bassi tassi di osteoporosi diagnosticata.

L'estrogeno, che svolge un ruolo cruciale nel mantenimento della densità minerale ossea, deriva dal colesterolo.
Pertanto, la forte riduzione del colesterolo con l'impiego di statine ad alti dosaggi potrebbe ridurre anche gli estrogeni e avere un effetto sulle ossa simile a quello dello stato menopausale, una delle principali cause di osteoporosi.
In alcuni studi è anche emerso che le statine sono associate a livelli ridotti di testosterone.

Nel loro insieme, questi risultati suggeriscono una connessione tra livelli di ormoni sessuali e statine nella patogenesi dell'osteoporosi. ( Xagena2019 )

Fonte: Annals of Rheumatic Diseases, 2019

Cardio2019 Endo2019 Farma2019


Indietro