Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Xagena Mappa

Miglioramento degli esiti clinici con Metformina nei pazienti affetti da insufficienza cardiaca e diabete


Tra i pazienti con insufficienza cardiaca ( HF ) e diabete mellito di tipo 2, l'inizio della terapia con Metformina è indipendentemente associato a un miglioramento sostanziale degli esiti clinici a 12 mesi in quelli con frazione di eiezione ( EF ) superiore al 40%, mentre l'inizio del trattamento con sulfonilurea è associato a un aumentato rischio di morte e di ospedalizzazione.

I ricercatori hanno identificato i beneficiari di Medicare che sono stati ricoverati in ospedale per insufficienza cardiaca nel Registro GWTG-HF ( Get With The Guidelines-Heart Failure ) durante il periodo 2006-2014, e sono stati dimessi con una diagnosi o una storia di diabete mellito.

E' stata valutata l'efficacia delle terapie con Metformina e sulfonilurea, assunte separatamente.

La mortalità per qualsiasi causa, l'ospedalizzazione per insufficienza cardiaca e il composito di mortalità per qualsiasi causa o ospedalizzazione per insufficienza cardiaca erano gli esiti clinici prespecificati e sono stati valutati per 12 mesi, a partire dal giorno 91 dopo la dimissione.

Un totale di 5.852 pazienti provenienti da 367 ospedali statunitensi sono stati inclusi nell'analisi primaria, di cui il 7.8% è stato trattato con Metformina di nuova prescrizione, l'8.6% con sulfanilurea di nuova prescrizione e il 2.3% ha iniziato di nuovo con entrambe le terapie.
I partecipanti avevano un'età media di 75 anni; il 51.6% era costituito da donne e il 73.0% era di razza bianca.

L'analisi corretta ha mostrato che l'inizio della terapia con Metformina era significativamente associato a un minor rischio di mortalità composita per qualsiasi causa o ospedalizzazione per insufficienza cardiaca a 12 mesi ( hazard ratio [ HR ], 0.81 [ IC 95%, 0.67-0.98 ]; P = 0.032 ).
Le associazioni tra inizio della Metformina e la mortalità per qualsiasi causa ( HR, 1.06 [ IC 95%, 0.85-1.33 ]; P = 0.59 ) e le ospedalizzazione per insufficienza cardiaca ( HR, 0.80 [ IC 95%, 0.63-1.02 ]; P =0.072 ) non erano statisticamente significative dopo aggiustamento.

Le associazioni con un rischio sostanzialmente ridotto per entrambi gli endpoint erano limitate ai pazienti con frazione di eiezione superiore al 40% ( ricovero per insufficienza cardiaca, HR=0.58 [ IC 95%, 0.40-0.85 ]; endpoint composito, HR=0.68 [ IC 95%, 0.52-0.90 ] ), senza nessuna indicazione di una riduzione del rischio nei pazienti con frazione di eiezione del 40% o valore inferiore.

L'inizio della sulfonilurea è stato associato a un aumento statisticamente significativo del rischio di mortalità per qualsiasi causa dopo aggiustamento ( HR=1.24 [ IC 95%, 1.00-1.52 ]; P = 0.045 ).
Le analisi aggiustate hanno mostrato che l'inizio della terapia con sulfonilurea era anche associato a un aumentato rischio di mortalità composita per qualsiasi causa o ricovero per insufficienza cardiaca ( HR=1.17 [ IC 95%, 1.00-1.37 ]; P = 0.047 ) e ricovero per insufficienza cardiaca ( HR=1.22 [ IC 95%, 1.00–1.48 ]; P = 0.050 ), ed entrambi avevano una significatività statistica marginale.

Lo studio presenta dei limiti. L'analisi osservazionale non può dimostrare in modo definitivo relazioni di causa-effetto e sono possibili confondimenti residui e non-misurati.
Inoltre, lo studio non ha valutato l'aderenza post-dimissione o la persistenza della terapia con Metformina o sulfonilurea o il ruolo di questi fattori negli esiti clinici.
Inoltre, l'analisi ha escluso i pazienti con malattia renale cronica grave ed è stata limitata ai beneficiari Medicare di età pari o superiore ai 65 anni.

I risultati dello studio, tuttavia, supportano il potenziale uso della Metformina tra i pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata e diabete mellito.
C'è la necessità di studi clinici randomizzati di conferma.
Le sulfoniluree dovrebbero essere evitate nei pazienti diabetici che presentano anche insufficienza cardiaca. ( Xagena2022 )

Fonte: JACC: Heart Failure, 2022

Endo2022 Cardio2022 Farma2022


Indietro