52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

ODYSSEY Outcomes: Alirocumab riduce gli eventi cardiovascolari nella popolazione con sindrome coronarica acuta


La riduzione delle LDL a livelli molto bassi con l'inibitore di PCSK9 Alirocumab ( Praluent ) riduce il rischio di eventi cardiovascolari avversi maggiori e la mortalità per qualsiasi causa nei pazienti con sindrome coronarica acuta in terapia con statine, in base ai risultati dello studio ODYSSEY Outcomes.

Per l'esito primario di eventi avversi cardiovascolari maggiori, definiti come morte per coronaropatia, infarto miocardico, ictus ischemico o angina instabile con necessità di ricovero, Alirocumab ha prodotto una riduzione del rischio del 15% rispetto al placebo ( hazard ratio, HR = 0.85; IC 95%, 0.78-0.93, riduzione del rischio assoluto, RR=1.6% ).

Un totale di 18.924 pazienti ( età media, 58 anni, 25% donne ) sono stati seguiti per almeno 2 anni; il 44% per almeno 3 anni ( mediana, 2.8 anni ).

I pazienti assegnati ad Alirocumab hanno presentato anche un rischio ridotto di mortalità per qualsiasi causa ( HR= 0.85; IC 95%, 0.73-0.98, riduzione del rischio assoluto = 0.6% ) rispetto a quelli assegnati al placebo.

A parte le reazioni al sito di iniezione, Alirocumab non è stato associato a un eccesso di eventi avversi rispetto al placebo.

I criteri di inclusione dello studio comprendevano età oltre i 40 anni, presenza di sindrome coronarica acuta entro 1-12 mesi prima della randomizzazione, uso di una dose massima tollerata di Atorvastatina o Rosuvastatina da 2 a 16 settimane prima della randomizzazione, LDL di almeno 70 mg/dL, non- HDL di almeno 100 mg/dL e apolipoproteina B di almeno 80 mg/dL.

La popolazione di pazienti di ODYSSEY Outcomes era diversa da quella dei pazienti arruolati nello studio FOURIER Outcomes di Evolocumab ( Repatha ), che includeva pazienti ad alto rischio con casrdiopatia stabile.

Il rischio residuo dopo sindromi coronariche acute rimane elevato. Un fattore importante è rappresentato dall'alto livello di LDL, anche durante la terapia con statine ad alta intensità.

Per i pazienti trattati con Alirocumab, l'intervallo target di LDL era compreso tra 25 e 50 mg/dL, ma erano accettabili livelli inferiori a 15 mg/dL.

I pazienti sono stati arruolati in 1.315 Centri in 57 Paesi.

La sospensione prematura del trattamento si è verificata nel 14.2% del gruppo Alirocumab rispetto al 15.8% del gruppo placebo.
Quasi l'8% dei pazienti nel gruppo Alirocumab è passato al placebo a causa di due misurazioni consecutive di LDL inferiori a 15 mg/dL.

Tra i componenti dell'endpoint primario, rispetto al placebo, il gruppo Alirocumab ha presentato un rischio ridotto di infarto miocardico non-fatale ( HR = 0.86; IC 95%, 0.77-0.96 ), ictus ischemico ( HR = 0.73; IC 95%, 0.57-0.93 ) e angina instabile ( HR = 0.61; IC 95%, 0.41-0.92 ).
La stessa tendenza non è stata osservata per la morte per malattia coronarica ( HR = 0.92, IC 95%, 0.76-1.11 ).

Il gruppo Alirocumab ha presentato anche un rischio inferiore di rivascolarizzazione coronarica guidata da ischemia ( HR = 0.88, IC 95%, 0.79-0.97 ), ma non di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca congestizia ( HR = 0.98, IC 95%, 0.79-1.2 ), rispetto al placebo.

In una analisi post hoc, l'effetto del trattamento di Alirocumab per la prevenzione della morte per qualsiasi causa era più forte nei pazienti con LDL al basale di almeno 100 mg/dL ( HR = 0.71, IC 95%, 0.56-0.9, riduzione del rischio assoluto = 1.7% ), rispetto a quelli con LDL basale inferiore.
L'assegnazione ad Alirocumab di questi pazienti con LDL superiori a 100 mg/dL ha anche conferito un rischio ridotto del 24% per eventi cardiovascolari avversi maggiori ( HR = 0.76, IC 95%, 0.65-0.47, riduzione del rischio assoluto = 3.4% ), riduzione del 28 % del rischio di morte per cardiopatia ischemica ( HR = 0.72, IC 95%, 0.53-0.98, riduzione assoluta del rischio = 1% ) e riduzione del rischio del 31% per morte cardiovascoalre ( HR = 0.69, IC 95%, 0.52-0.92, riduzione del rischio assoluto = 1.3% ).

Secondo i ricercatori, questi sono i pazienti che possono beneficiare maggiormente del trattamento con Alirocumab. ( Xagena2018 )

Fonte: American College of Cardiology Scientific Session, 2018

Cardio2018 Endo2018 Farma2018


Indietro