Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa

Olpasiran riduce i livelli di Lp(a) di oltre il 95% nei pazienti con malattia cardiovascolare aterosclerotica


Olpasiran, un piccolo agente RNA interferente diretto al fegato, ha prodotto riduzioni sostanziali e sostenute delle concentrazioni di lipoproteina(a) [ Lp(a) ] tra i pazienti con malattia cardiovascolare aterosclerotica accertata nello studio di fase 2 OCEAN(a)-DOSE.

Nello studio, i pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere placebo o una delle quattro dosi di Olpasiran per via sottocutanea.
Olpasiran ha ridotto le concentrazioni di Lp(a) in modo dose-dipendente.

La variazione percentuale della concentrazione di Lp(a) dal basale a 36 settimane ( endpoint primario ) è stata la seguente: -70.5% con Olpasiran 10 mg ogni 12 settimane; -97.4% con Olpasiran 75 mg ogni 12 settimane; -101.1% con Olpasiran 225 mg ogni 12 settimane; -100.5% con Olpasiran 225 mg ogni 24 settimane; e aumento del 3.6% con il placebo corrispondente.

Il valore P per l'endpoint primario era inferiore a 0.001 per tutti i confronti rispetto al basale.

La percentuale di pazienti che hanno raggiunto una concentrazione di Lp(a) inferiore a 125 nmol/L è stata del 66.7% con la dose di 10 mg ogni 12 settimane, del 100% con le dosi di 75 mg e 225 mg ogni 12 settimane e del 98.1% con la dose di 225 mg ogni 24 settimane.
Nessun paziente nel gruppo placebo ha raggiunto questo obiettivo.

Gli eventi avversi sono stati simili nei gruppi Olpasiran e placebo. Gli eventi avversi più comuni correlati al trattamento sono stati: reazioni al sito di iniezione e reazioni di ipersensibilità, che sono state lievi e si sono risolte senza trattamento.

OCEAN(a)-DOSE era uno studio di fase 2 randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, per determinare la dose.
I 281 pazienti arruolati avevano malattia cardiovascolare aterosclerotica ( ASCVD ) e concentrazioni di Lp(a) superiori a 150 nmol/L.
Al basale, la concentrazione mediana di Lp(a) era di 260.3 nmol/L e la concentrazione mediana di LDL era di 67.5 mg/dL.
L'88% dei pazienti era anche in terapia con statine, il 52% con Ezetimibe e il 23% con un inibitore PCSK9, al basale.
L'età media delle persone arruolate era di 62 anni, il 32% erano donne e la maggioranza erano bianchi.
Lo studio è stato condotto in 34 Centri in sette Paesi.

Rimangono, tuttavia, molte incognite sulla Lp(a). Non è noto se l'abbassamento della Lp(a) ridurrà il rischio cardiovascolare, come la presenza di altri fattori ( infiammazione ) possa influenzare il rischio, se ridurla notevolmente avrà conseguenze a lungo termine, se sostanziali riduzioni aumenteranno il tasso di diabete mellito; e se ci saranno conseguenze per l'interruzione della terapia. ( Xagena2022 )

Fonte: American Heart Association ( AHA ) Scientific Sessions, 2022

Endo2022 Cardio2022 Farma2022



Indietro